Allarme incendi in Sicilia: evacuato villaggio turistico a Calampiso

Disperato appello del sindaco di San Vito Lo Capo via Facebook

Siccità, caldo torrido e dolo sono gli ingredienti sicuri per la paura, almeno per chi si trova nella zona di San Vito Lo Capo, in Sicilia. Il sindaco Matteo Rizzo ha pubblicato una richiesta di aiuto tramite Facebook, richiedendo a coloro che fossero in possesso di imbarcazioni sicure ed affidabili di recarsi urgentemente presso il Villaggio Calampiso per evacuare 700 persone a causa di un incendio divampato dalla contrada Pilato e che ha devastato la zona sovrastante Castellamare del Golfo.

Incendio a San Vito Lo Capo, evacuazioni a Calampiso

Le operazioni di soccorso sono iniziate stamattina presto intorno alle 7, con le evacuazioni di un centinaio di famiglie a Fraginesi. Sono migliaia di ettari di fuoco quelle che circondano altrettante abitazioni nella zona, perlopiù villette, danneggiate totalmente o parzialmente, con danni al tetto e alla facciata. Due Canadair sono entrati in azione tentando di circoscrivere l’incendio, ma i focolai attivi hanno peggiorato la situazione: se dapprima si pensava che le fiamme fossero state domate e l’allarme incendi rientrato, non ha fatto i conti con lo Scirocco, il quale sta mettendo a dura prova il lavoro di Polizia, Carabinieri, Vigili del Fuoco, Capitaneria di Porto, volontari e altre Forze dell’Ordine impiegate per i soccorsi.

E’ stata proprio l’azione del vento combinata con la presenza di focolai ancora attivi che ha peggiorato la situazione e che ha indotto il sindaco di San Vito Lo Capo a fare la richiesta tramite social, specialmente per evacuare le famiglie e il personale del villaggio turistico Calampiso, ma non solo: servono minibus e auto per accogliere le persone che arrivano al porto piccolo e per portarle agli edifici scolastici, ma chi ha disponibilità di strutture ricettive e può mettere a disposizione gratuitamente le camere per due notti, almeno per gli anziani e i bambini, può inviare un messaggio o chiamare il 3460137953; in alternativa, accordarsi col Geometra La Sala presso la scuola media. Inoltre, aggiunge il primo cittadino, si sta costituendo l’unità di crisi presso il Comune e spera che lavorando insieme ai cittadini l’allarme rientri e tutto vada per il meglio.

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*