Arrestato a Roma Roberto Brunetti: Er Patata agli arresti domiciliari per droga

PELLE RIGENERATA IN 4 SETTIMANE con SIERO EXTRA LIFT BARO COSMETICS

Colto in fragranza di reato mentre era intento ad acquistare una dose di cocaina: Er Patata al secolo Roberto Brunetti, è il famoso attore romano che ha preso parte a storici film comici italiani. Il giudice monocratico del tribunale di Roma, dopo aver convalidato gli atti, ha concesso gli arresti domiciliari operati dai Carabinieri della compagnia Trastevere. L’attore è accusato di detenzione di sostanze stupefacenti in quanto i  militari dell’Arma hanno rilevato in casa un chilo di hashish e uno di marijuana, oltre al fatto di aver acquistato cocaina da uno spacciatore.

L’attore Roberto Brunetti viene apostrofato come Er Patata ed è conosciuto nell’ambiente cinematografico grazie ad alcune commedie di fine Anni Novanta: Fuochi d’Artificio di Leonardo Pieraccioni e Paparazzi di Neri Parenti, ruolo da cui è nato il celebre appellativo che lo contraddistingue ancora oggi. Ma ha recitato anche in pellicole molto impegnate e drammatiche, come Fatti della Banda della Magliana e Romanzo Criminale, entrambe ispirate dalle vicende della celebre gang romana che ha portato il terrore in territorio capitolino. L’ultimo lavoro al cinema dell’artista risale al 2012, Il Rosso e il Blu, poi l’oblio dal grande schermo, tanto che ha trovato lavoro come pescivendolo nella Capitale, stanco di essere un “attore precario che fa la fame”.

Purtroppo, Er Patata non è nuovo alle Forze dell’Ordine e agli eccessi: nel 2009 è stato arrestato per possesso di droga, nello specifico 100 gr di hashish, i quali furono trovati sotto la sella del motorino dell’attore. Oltre al cinema, Roberto Brunetti è famoso per essere stato il compagno della compianta Monica Scattini, storia conclusa nel 2011 dopo ben 16 anni e poco tempo prima che la stessa morisse di un male incurabile.

 

NON RIMANDARE COME AL SOLITO, LA BELLA STAGIONE SI AVVICINA, CREMA ANTICELLULITE BARO COSMETICS, LA MIGLIORE

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*