Attentato di Marsiglia, arrestato in Italia il fratello uno dei killer

0
Attentato di Marsiglia, arrestato in Italia il fratello uno dei killer

Arriva una svolta decisiva nel caso relativo all’attentato di Marsiglia. Il fratello di uno dei killer è stato arrestato in Italia.

Attentato di Marsiglia, le indagini

Già da tempo si temeva che i fratelli del’attentatore Amed Hanachi fossero in Italia. Da tempo infatti gli investigatori della squadra antiterrorismo hanno condotto le loro indagini sul tutto il territorio italiano al fine di scoprire qualche collegamento famigliare tra l’attentato e gli Hanachi. L’attività investigativa si è così concentrato nell’Emilia Romagna, grazie alla collaborazione intensa della polizia di Bologna e quella di Ferrara. Dopo vario tempo e appunto indagine complessa le due squadre di polizia hanno messo in atto l’arresto di uno dei fratelli del killer di Marsiglia proprio a Ferrara.

Attentato di Marsiglia, scattano le manette per il fratello del killer

Da tempo ormai le autorità italiane monitoravano Anis Hanachi, fratello di Amed, nel tentativo di capire se l’uomo fosse o meno coinvolto nelle azioni del fratello. Le indagini sono iniziate subito dopo l’emissione di un mandato di cattura internazionale emesso dagli inquirenti francesi. Una volta messa a punto l’attività investigativa le ricerche si sono soffermate su Ferrara dove la polizia locale, insieme a quella di Bologna, per diverso tempo hanno ha osservato attentamente il fratello del killer, Anis. Ieri mattina, con un’azione studiata nel minimo dettaglio, la polizia di Bologna e di Ferrara ha effettuato l’arresto.

Attentati di Marsiglia, arrestata anche al moglie del killer

L’arresto di Anis Hanachi è stato disposto dalla procura procura antiterrorismo di Roma. L’accusa per il fratello del killer che ha messo in atto l’attentato di Marsiglia è quella di partecipazione e associazione terroristica e complicità. Nel corso delle ultime ore però gli inquirenti italiani sono in attesa di sentire anche moglie del killer Amed Hanachi, ovvero l’italiana Ramona Cargnelutti, che potrebbe fornire ulteriori dettagli sulla strategia dell’attentato di Marsiglia.