Batteri, ogni posto che ci circonda ne è invaso

Come Aumentare il Seno naturalmente.CLICCA per Info!

Batteri, invisibili ma lì, pronti a contaminare gli oggetti, i luoghi e quant’altro. Immaginiamo un qualsiasi giocattolo per bambini: il materiale di cui si compongono pullulano di funghi e sapore di batterio.

Batteri e invasione, lo studio

Una tale affermazione proviene da un team di ricercatori dell’Eawag, l’Istituto Federale Svizzero di Scienza e Tecnologia Acquatica, autori di uno studio pubblicato su Nature. I ricercatori hanno analizzato 19 giocattoli da bagno usati a lungo da alcuni bambini di diverse famiglie. Grazie alle sostanze presenti nell’acqua dell’acquedotto, nei prodotti per lavarsi, e a tutte le altre che per una ragione o per l’altra si trovano in un bagno, la plastica flessibile di cui sono fatti questi giocattoli, porta alla formazione dei batteri.

Batteri, quali sono i rischi?

Nello studio dell’Eawag non è stata fatta una valutazione dei rischi legati alla presenza dei batteri nei giocattoli per il bagno (non era quello il suo scopo) ed esistono tanti germi del tutto innocui per le persone, ma è comunque utile essere a conoscenza del fatto che certe cose non sono proprio pulite anche se lo sembrano.

Ci sono molti altri oggetti di uso di tutto giorni che vivono le medesime sorti: il Guardian ne ha fatto un elenco.

Nel 2011 l’organizzazione NSF International, che si occupa di stabilire standard internazionali per la sicurezza di vari tipi di prodotti, testò trenta diversi oggetti di uso quotidiano e scoprì che quelli su cui si trovano più batteri sono dati dai canovacci e dalle spugne da cucina.

La scorsa estate poi uno studio diceva che c’erano più germi sulle spugne da cucina che venivano lavate regolarmente rispetto a quelle che invece non venivano lavate: ci sono molti batteri nelle spugne perciò vanno gettate non appena emanano cattivo odore. Bisogna per questo usarle nel modo giusto, pulirle di continuo e buttarle via quando è bene farlo.

Informazioni su Alessia D’Anna 474 Articoli
studentessa in giurisprudenza amante della scrittura, con esperienza nelle notizie dell'ultima ora

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*