Bimbo Gerber: nuovo volto scelto è un bambino Down

É stato scelto il nuovo bimbo Gerber con un tenerissimo sorriso. E quest’anno il gigante degli omogeneizzati Usa, ha scelto un piccolo meraviglioso affetto da sindrome di Down.

Bimbo Gerber: Lucas ha un cromosoma in più

Pare che  il concorso di quest’anno, sulla base di 140 mila foto inviate alla multinazionale, sia stato Lucas, un bimbo di 18 mesi, originario di Dalton in Georgia, affetto da sindrome di Down.

Il suo volto di spokesbaby dell’anno sarà quello più trasmesso da tutti i canali sociali della Gerber, le pubblicità e le varie campagne.

La mamma, Cortney Warren, aveva scoperto del concorso un po’per caso. Così si è detta ”perché non provare?” e aveva spedito uno scatto via Instragram di Lucas.

Nella foto il bimbo era seduto a gambe incrociate, con una camicetta verde e un papillon a pois, lo sguardo furbetto e birichino.

La spiegazione della società

Billy Partika, presidente della compagnia ha spiegato che “Ogni anno scegliamo un bambino che possa rappresentare la lunga eredità Gerber che vuole mostrare come ogni bambino sia un bambino Gerber. Oggi la scelta perfetta è stata Lucas”.

La reazione del pubblico è stata  inaspettatamente di entusiasmo e commozione

Una donna scrive sui social: “Come mamma incinta di un bimbo con un cromosoma in più, la notizia di Lucas mi ha riscaldato il cuore. Grazie Gerber“.

I genitori avranno 50 mila dollari di premio, ma soprattutto una piattaforma per poter ancora diffondere la conoscenza della sindrome di Down.

Cortney è felice dell’onore, descrive suo figlio come un bimbo allegro, estroverso, che ama la musica.

A complimentarsi è stata anche Ann Turner Cook, oggi 92 anni, che è stata per 91 il volto disegnato su ogni barattolino Gerber e ha detto pure “Non c’è onore più grande di rappresentare i bambini del mondo sono felice di partecipare alla celebrazione di Lucas”.

Informazioni su Alessia D’Anna 540 Articoli
studentessa in giurisprudenza amante della scrittura, con esperienza nelle notizie dell'ultima ora

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.