Bimbo punto con una siringa, panico al villaggio dei Fiori

0
HIV in Sicilia, paura per le siringhe abbandonate

Bimbo punto con una siringa: il Villaggio dei Fiori va in paranoia. Con molta probabilità il piccolo pensava fosse un nuovo gioco diverso dal solito, di certo non sapeva che andare a pungersi con quella siringa raccolta per terra lo porterà a sottoporsi a numerosi prelievi di sangue, per un controllo circa le sue condizioni di salute.

Aumento naturale e rassodante, Pagamento alla consegna GRATIS

Bimbo punto da una siringa, cosa è successo

Protagonista del brutto momento è un bimbo di 3 anni e mezzo di Spinea, che mentre giocava dietro casa in viale Sanremo, nella giornata di domenica, ha trovato “l’arma da gioco” e si è recato dalla madre con la siringa che aveva appena usato per pungersi. Nonostante lo spavento, i medici hanno provato a calmare almeno parzialmente i genitori del bambino sottolineando come possibili virus, a contatto con l’aria, muoiano. Questo non vuol dire però che lo stato di salute del bimbo è intaccato, ma dovrà lo stesso essere di frequente monitorato.

Bimbo punto da una siringa al Villaggio dei Fiori, lo spavento

La madre ha dichiarato che non è impossibile sapere se quella siringa sia stata usata da un drogato o da un diabetico, poiché all’inizio l’aveva buttata via dove era stata trovata dal figlioletto, poi quando ha voluto provare a recuperarla e portarla ai medici non l’ha più trovata. La preoccupazione è più che lecita poiché non è rara, come specificato dagli stessi residenti che si lamentano da alcuni anni, “la presenza in zona (al Villaggio dei Fiori) di ragazzi che fumano o si bucano”. Per questo la madre si è recata dai carabinieri per raccontare tutto quanto è accaduto, richiedendo un maggior controllo nel quartiere e altrove onde evitare in futuro situazioni similari per i più piccoli.

Aumento naturale e rassodante, Pagamento alla consegna GRATIS

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.