Calabria, mamme chiedono al giudice di prendere i loro figli per salvarli dalla mafia

Come Aumentare il Seno naturalmente.CLICCA per Info!

Cosa non farebbero i genitori per i propri figli, e queste mamme originarie della Calabria di coraggio ne hanno da vendere. Le donne hanno infatti deciso di salvare i loro figli da un destino già scritto, 20 donne tra mamme, figlie, nipoti, mogli di mafiosi, a partire dal 2012 a oggi, hanno avuto la forza di rivolgersi al presidente del Tribunale dei Minorenni di Reggio Calabria per cercare di cambiare in positivo il destino dei propri figli.

Calabria, l’obiettivo delle mamme-coraggio

L’obiettivo delle donne è quello di ottenere un provvedimento di decadenza o limitazione della responsabilità genitoriale al fine di preservare la tutela psico-fisica dei loro ragazzi nati e cresciuti in situazioni losche e mafiose.

La questione ha coinvolto l’associazione antimafia Libera, che si è premurata di raccogliere il grido d’aiuto delle donne, spesso anch’esse tirate dentro ai reati di mafia ma che non vogliono vedere i loro ragazzi fare lo stesso piuttosto desiderano dar loro un’altra opportunità di vita, sicuramente migliore. E coinvolto è stato anche il giudice Roberto Di Bella, che nel corso degli anni ha ottenuto anche l’appellativo di “ladro di figli”.

Il progetto che porta via i figli alle mamme

Il progetto ha trovato il benestare della rete delle diocesi e della Caritas, che hanno messo a disposizione dei ragazzi coinvolti una strada alternativa. E così Di Bella dice: “Dieci di loro sono diventati maggiorenni. Di questi 5 sono rimasti fuori dalla Calabria a lavorare, gli altri sono tornati ma solo uno è incappato nella giustizia e non per un reato di mafia”.

Per questo a Roma in occasione della quarta edizione di Contromafie, è stato firmato un protocollo d’intesa tra governo, procuratore nazionale antimafia, Conferenza episcopale italiana e Libera di don Ciotti, al fine di promuovere il progetto in tutta Italia. E dal Dipartimento per le Pari Opportunità e la Cei arrivano fondi per 300 mila euro, in sostegno alle comunità, alle case famiglia e agli psicologi che curano gli interessi dei ragazzi salvati dalla mafia.

Informazioni su Alessia D’Anna 473 Articoli
studentessa in giurisprudenza amante della scrittura, con esperienza nelle notizie dell'ultima ora

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*