Caterina Balivo silurata per il tweet ‘infelice’ contro Diletta Leotta: le scuse a Detto Fatto

Caterina Balivo ha attaccato su Twitter la giornalista Sky Diletta Leotta. Nel tweet finito al centro delle polemiche la conduttrice ha giudicato inadeguato l’outfit della Leotta salita sul palco di Sanremo 2017 per parlare della brutta esperienza che l’ha vista vittima di cyberbullismo. Qualche mese fa un hacker è riuscito ad entrare in possesso di alcune foto sexy private della giornalista Sky e le aveva diffuse sul web. A Caterina Balivo non solo non è piaciuto l’abito ma anche alcuni atteggiamenti di Diletta Leotta che, mentre parlava, si spostava la gonna.

Il giudice supremo, ovvero il popolo dei social, ha silurato Caterina Balivo. Le femministe della prima ora hanno scritto che le donne sono le peggiori nemiche delle donne e in poche ore la Balivo è stata sommersa dai commenti negativi. Diletta Leotta invece è diventata una ‘santa’ e anche i più bacchettoni l’hanno difesa. Anche Maria De Filippi co-conduttrice del Festival di Sanremo 2017 è intervenuta nel dibattito. Durante la conferenza stampa di questa mattina ha detto che forse tra la Balivo e la Leotta c’erano altri problemi aggiungendo che lei si veste come più le piace e non seleziona gli argomenti da trattare.

Dopo la brutta figura Caterina Balivo si è scusata a Detto Fatto, il programma quotidiano di Rai 2 dicendo che non può giudicare un atteggiamento di un’altra donna e si è scusata per il tweet infelice che ha scritto prima di andare a dormire. A qualcuno sembra una mossa astuta, però la Balivo ha ricordato che a Detto Fatto si parla di donne e tutti i giorni offre consigli per valorizzarsi. Basteranno le scuse per rasserenare gli animi? Nessun commento invece da parte di Diletta Leotta che ha scelto di restare in silenzio. Nell’ultima foto su Instagram indossa il vestito incriminato e sotto ci sono tantissimi commenti dei fan. Voi cosa ne pensate?

Crema Anticellulite Barò Cosmetics, leggi info su sito Ufficiale

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*