Centesimi inutilizzati, app Centy li trasforma in denaro virtuale

0
Centy eurocentesimi monetine denaro spiccioli

Una nuova app creata da Davide Caiafa e Lorenzo Vidoz di Magnano, in provincia di Milano, ridà nuova vita ai 2 centesimi e ai 5 centesimi e a tutte le monetine inutilizzate: cos’è Centy e come funziona il contamonete per rendere gli eurocentesimi soldi virtuali da accreditare, perché gli spiccioli contano

Centy, cos’è e come funziona la app che converte i centesimi di Euro in denaro

Diciamolo francamente: avere monetine sparse ovunque crea un vero e proprio disagio. Molti centesimi in circolazione sono spesso inutilizzati, magari anche per vergogna di pagare con una miriade di monete da 1, 2 o 5 cents. Ma grazie a una sorta di contamonete intelligente, si risolverà finalmente questo problema psicologico e anche fisico. Solo chi ha la nonna e un borsellino sa che per le persone anziane “anche questi sono soldi” e quanto pesano due Euro composti dai famigerati eurocentesimi. Un team di lavoro di Magnano, in provincia di Milano, ha creato la start up Centy. In che cosa consiste?

Da eurocentesimi a soldi virtuali, cos’è Centy

Centy non è altro che un contamonete intelligente che risolverà per sempre il doppio problema delle inutili monetine e del denaro contante in generale. Creata da Davide Caiafa e Lorenzo Vidoz, la start up è stata inglobata da Digital Magics ed è anche quotata in Borsa. L’obiettivo dei due ragazzi è reinserire nell’economia decine di milioni di spiccioli. Si prevede che questa macchina sarà presente in aeroporti, centri commerciali, supermercati e in ogni attività in cui ci sia una grande necessità di monete. Centy è anche una app combinata con il dispositivo. Questo per riconoscere l’utente, il quale avrà la possibilità di convertire i centesimi di Euro in denaro virtuale da accreditare, probabilmente, sul conto Paypal o sul proprio conto corrente. Da monetine a soldi virtuali, la pesantezza contro la massima leggerezza.

Addio alle monete da 1, 2 e 5 centesimi di Euro con Centy

L’idea è nata da Davide, il quale, avendo in casa troppe monetine accumulate, ha iniziato a ragionare che i suoi 2 Euro, comparati ai 60 milioni di eurocentesimi sparsi in Italia, la cifra sarebbe arrivata a superare le decine di milioni. L’Unione Europea, tra le altre cose, stava valutando o meno di far sparire le monete da 1, 2 e 5  centesimi perché poco utilizzate, benché solo in territorio italiano saranno bloccati nelle case la bellezza di 180 milioni. Dal 2002 ad oggi sono state coniate monete da 1 e 2 centesimi per un totale di 46 miliardi di pezzi, che insieme pesano come una nave da crociera. La Zecca, poi, ha dei costi di conio per immettere valuta che, di fatto, non si usa, quindi è costretta a riconiarle per rimetterle in circolazione e rifare il circolo vizioso. In realtà, ci sono delle aziende e la grande distribuzione che ha bisogno di questo denaro, per questo è nata l’idea della  app.

Come funziona Centy

Centy è un contamonete classico con connessione Bluetooth, ma gestita da remoto, collegandosi con il proprio smartphone. Il dispositivo sarà posizionato dove c’è forte richiesta di monete, per esempio un supermercato. Il cliente arriva, apre l’apposita applicazione e si posiziona davanti. Il dispositivo lo riconosce a apre in automatico uno sportellino. Qui si inseriranno gli eurocentesimi. Il cliente, dopo aver chiuso lo sportello, avvierà il conteggio mediante smartphone. Una volta che la macchina ha calcolato l’ammontare della cifra, chiederà dove trasferire l’importo. Al momento, ci sono varie opzioni, come ricarica telefonica, accredito su conto Bancoposta o conto corrente, o addirittura donarlo in beneficienza. Perché i centesimi contano, come dice lo slogan della start up.