Chiara Ferragni: ritorno in Italia, nuovi uffici e nuovo attico a Milano

lettera35_fedez-chiara-ferragni-sposi

Chiara Ferragni e il compagno Fedez dopo la lunga pausa per la maternità, tornano in Italia, e precisamente a MIlano, dove sono quasi pronti i nuovi uffici della Tbs Crew, la società della Ferragni; che riprende il lavoro dopo la nascita del primo figlio, il piccolo Leone; la coppia già sbarcata a Milano con il suo seguito per circa venti giorni abiterà in albergo; giusto il tempo per gli addetti ai lavori di terminare le modifiche e i preparativi del super attico dove i futuri sposi andranno a vivere.

Matrimonio in vista

Futuri sposi perchè Fedez ai primi di maggio ha chiesto a Chiara di sposarlo, e lo ha fatto in grande, come si usa adesso davanti a migliaia di persone all’Arena di Verona. Un momento magico che la coppia ha condiviso con il pubblico, come è solita fare sempre; infatti sui social Chiara e Fedez postano di continuo momenti di vita e foto del piccolo Leone, un atteggiamento che è stato ampiamente criticato dal popolo del web; ma ognuno sceglie di vivere la sua felicità come meglio crede.

Nozze siciliane

Il settimanale “Oggi” ha pubblicato i dettagli e le curiosità in merito al prossimo matrimonio Ferragni-Fedez; i due neo-genitori diranno “si”  a Noto, in Sicilia, il prossimo 31 agosto; la data è stata svelata dalla stessa futura sposina, Chiara Ferragni, ha scritto su Instagram, il suo social preferito,  di non vedere l’ora di diventare la moglie di Fedez; in merito alla scelta della location del matrimonio qualcosa girava già nell’aria per via di un mini-tour fatto proprio dalla Ferragni a Noto con  Marina Di Guardo la sua mamma, e con Martina Maccherone e Michela Gombacci, collaboratrici di Chiara nonché amiche del cuore.  Intanto Fedez ha risposto alle critiche che gli sono state mosse dai follower che seguono lui e Chiara sui social in merito alle copiose “stories” che lui e la compagna postano di continuo con momenti famigliari e intimi; ecco cosa ha dichiarato il cantante: “Al di là delle opinioni personali che ognuno può avere sulla decisione di pubblicare o meno le foto del proprio figlio, le capacità genitoriali non dovrebbero essere giudicate dalle foto social”

 

 

Informazioni su Alessia D’Anna 540 Articoli
studentessa in giurisprudenza amante della scrittura, con esperienza nelle notizie dell'ultima ora

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.