Cina: archeologi trovano vino vecchio di duemila anni

0

Scoperta sensazionale da parte di un gruppo di archeologi, che riportano alla luce una giara contenente del vino antico. La bevanda ambrata avrebbe più di duemila anni.

Il vino trovato nel sepolcro

Il vino trovato nel sepolcro all’interno di uno scavo archeologico organizzato nella zona della provincia di Henan, in Cina. I ricercatori sono rimasti senza paura al ritrovamento di una giara che al suo interno contiene del vino. Secondo quanto emerso dalla ricerca, la bevanda ambrata avrebbe duemila anni e alla prima annusata ricorda molto il vino cinese, ovviamente tipico della zona.

Shi Jianzhen, il responsabile a capo dell’Istituto dei cimeli e dell’archeologia, sito presso Luoyang, come riportato da rainews.it, ha assicurato che verranno fatti ulteriori esami sulla bevanda ritrovata per specificarne la consistenza e la data al quale risale.

Il vino ha poco più di duemila anni

Il vino ha poco più di duemila anni e dopo una prima analisi risalirebbe nel periodo tra il 202 a.C. e l’8 d.C.. Inoltre, si pensa che il vino sia appartenuto all’importante dinastia Han e gli archeologi non riescono a capire quale sia stato il metodo per far rimanere il vino all’interno della sua giara praticamente intatto. la bevanda, infatti, non è né evaporata né fuoriuscita.

L’annuncio, come specificato su askanews.it, del ritrovamento dell’antico vino è stato fatto nella giornata di oggi dall’agenzia governativa Xinhua. Il liquido all’intero della giara è di colore giallastro e si parla di 3.5 litri di bevanda. Ora bisognerà stabilire la gradazione del vino, che rimane tra i più antichi ritrovati fino ad oggi.