Covid, eventi e agenzie: quali futuri scenari?

0
covid

Gli eventi, ahinoi, sono l’esatto sinonimo di assembramenti e dopo i risultati di ferragosto sembrano esserci poche speranze per questo genere di intrattenimento. Discoteche, cinema, teatri e stadi hanno subito un drastico arresto perché, per loro natura, sono luoghi in cui il distanziamento sociale è poco praticabile. Per questo abbiamo pensato di riflettere sull’argomento cercando di tracciare i possibili futuri scenari.

Come resistere e reinventare l’organizzazione eventi?

Le agenzie di organizzazione eventi Catania, così come quelle situate in tutto il Paese, stanno vivendo un periodo di grossa difficoltà così come tutte le attività coinvolte dai divieti per via del Covid. La capacità di poter sopravvivere economicamente a questa crisi di rilievo internazionale riguarda una parola il cui utilizzo inflazionato ne ha distorto e sminuito la potenza evocativa: la resilienza. Nel mercato e nell’economia la capacità di resistere adattandosi ai cambiamenti è un attributo fondamentale che serve proprio a superare momenti gravi e particolari come quello che stiamo vivendo.

La priorità è la sicurezza di tutti

Per questo ipotizziamo la sofferenza del settore ma anche la capacità di creare un punto di svolta e di rinascita. Se le discoteche non hanno saputo mantenere la distanza sociale e garantire un minimo di sicurezza ai presenti, non è detto che l’intero settore eventi debba essere ugualmente colpito negativamente. Difatti è assodato che per evitare rischi e focolai le regole da seguire sono poche e semplici: distanza, igiene, rendicontazione.

Organizzare un evento oggi non significa perdere in partenza ma adattarsi alle regole necessarie a garantire il benessere e la sicurezza di tutti, cosa che le agenzia di organizzazione eventi hanno sempre fatto. La sicurezza è una voce di spesa importante per qualsiasi evento e, ai tempi del Covid, questa è diventata prioritaria. Quindi organizzare un evento sicuramente non è facile ma non è nemmeno impossibile.

Non sappiamo quando e se torneremo alla normalità

In poche parole è necessario prendere i contatti dei presenti per facilitare le eventuali azioni sanitarie in caso di focolaio, assicurandosi che siano reali e verificati. In secondo luogo bisognerà selezionare location capaci di ospitare un numero congruo di persone, dotata di accessi e uscite separati. Infine sarà necessario investire in sicurezza, ovvero su personale preposto a controlli della temperatura, del corretto uso della mascherina e alle sanificazioni. Il punto è che questa crisi sanitaria non è affatto passeggera e in brevissimo tempo ha portato cambiamenti così radicali che guardandosi indietro, sembra esser trascorsa una vita dall’annuncio del lockdown nel nostro Paese.

Elasticità ai cambiamenti

Quindi il segreto per sopravvivere è non demordere, non ridurre tutto a preoccupazione e lamentela. Il business vincente è quello che, per definizione, sa adattarsi ai cambiamenti sociali con tempistiche elastiche e rapidità di esecuzione. Gli eventi, piccoli e grandi, sono destinati a cambiare per sempre e non c’è altro modo per affrontare tutto questo se non studiando, riflettendo e progettando sempre nuove soluzioni. Solo le realtà imprenditoriali elastiche possono uscirne indenni o migliorate e questo è un inoppugnabile dato di fatto a scapito di chi tende a resistere al cambiamento.