Dall’UE attendono la risposta del Governo italiano

debito italiano

Moscovici ribadisce da Bruxelles che la lettera inviata con la richiesta di una manovra correttiva è ancora lì e si attende una risposta puntuale dall’Italia. Sul fronte interno, il Ministro Padoan fa sapere all’UE che la risposta arriverà nei tempi previsti; ma forse non sarà una risposta gradita a Bruxelles, è improbabile che il Governo italiano decida di mettere in atto una manovra correttiva, andando certamente incontro all’apertura di una procedura di infrazione da parte dell’UE per debito eccessivo.

Perché? Innanzitutto per un motivo economico, in quanto la procedura di infrazione costerebbe decisamente meno della manovra correttiva richiesta, lo ricordiamo, del valore di 3,4 miliardi di Euro, poi perché si prospetta la possibilità di elezioni anticipate, a parole auspicate da tutti, in pratica con posizioni molto articolate da parte dei vari partiti e movimenti e nessun partito accetterebbe di andare al voto con il fardello di una manovra correttiva sulle spalle, men che meno le forze politiche che sostengono la maggioranza di Governo.

Il rischio di pagare in termini di perdita di consenso e di voti conseguenti è notevole, soprattutto per questi motivi quasi certamente la lettera all’UE conterrà il rifiuto dell’Italia a procedere con una manovra correttiva.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*