Dichiarazione dei redditi 2018 precompilata oggi disponibile: come funziona?

730 precompilato: come fare la dichiarazione dei redditi online?

Quali sono le novità della dichiarazione dei redditi 2018? Scopriamolo subito analizzando il 730 online precompilato che è disponibile a partire da oggi 16 aprile 2018 sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Dichiarazione dei redditi 2018 precompilata

Finalmente i contribuenti possono accedere al 730 online che riguarda i redditi del periodo di imposta 2017. Nella dichiarazione dei redditi precompilata ci sono nuovi oneri e spese e in particolare quelle per la frequenza agli asili nido, i rimborsi, i contributi versati alle società di mutuo soccorso e le eventuali erogazioni alle Onlus e alle fondazioni e associazioni che promuovono e tutelano i beni culturali e l’attività di ricerca scientifica. L’invio telematico della dichiarazione dei redditi è possibile dal 2 maggio al 23 luglio 2018 attraverso il sito dell’Agenzia delle Entrate. La compilazione del 730 online è stata effettuata dall’ente sulla base dei dati presenti nell’anagrafe tributaria e sono stati aggiunti gli oneri detraibili e deducibili trasmessi da terzi, oltre ai dati delle certificazioni dei sostituti di importa per i redditi da lavoro i pensionistici.

Novità 730 online 2018

Per le dichiarazioni dei redditi, anche nella forma precompilata, si allunga il calendario dei tempi di consegna e questa è la prima importante novità. Anche per il modello Redditi la tempistica è diversa, si parte dal 10 maggio sino al 31 ottobre. Tra le novità più attese quelle su affitti brevi, la cedolare secca è estesa a anche ai contratti stipulati dal 1° giugno 2017, e si tiene conto della ritenuta del 21% fatta dagli intermediari, inclusi i portali online come Airbnb. Per il sisma bonus aumenta lo sconto sugli interventi di messa in sicurezza, la detrazione del 50% viene distribuita il 10 anni e aumenta al 70% se migliora la classe di rischio, se i lavori riguardano edifici condominiali lo sconto sulle tasse è del 75-85% (incluse le spese per la verifica sismica e la classificazione).

Detrazione spese asilo nido e scuole private

La soglia della detrazione al 19% delle spese per l’iscrizione alle scuole d’infanzia, elementari, medie e superiori è aumentata a 717 euro. Novità anche per il requisito di della distanza all’università che è di 100 km e si riduce a 50 km per gli studenti che vivono in zone montane o classificate come disagiate.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.