Dichiarazione IVA 2017 novità e scadenze: istruzioni presentazione telematica

Dichiarazione IVA 2017 novità e scadenze: istruzioni presentazione telematica

IVA 2017 cambiano le modalità di presentazione: il debutto della trasmissione telematica delle fatture emesse e di acquisto registrate.

Importanti novità per la dichiarazione IVA 2017, con l’arrivo della presentazione telematica cambiano anche le modalità di trasmissione delle fatture emesse e di acquisto registrate. I contribuenti soggetti ad IVA devono comunicare con cadenza trimestrale i propri dati identificativi e quelli del cliente o committente. Inoltre devono essere riportate le informazioni sulla data di emissione della fattura e il numero progressivo della stessa, la base imponibile l’aliquota applicata, l’imposta e l’operazione. L’annotazione dei corrispettivi ex art.24 Dpr 633/72 non è richiesta. Per tutti i professionisti alle prese con la dichiarazione IVA 2017 è importante ricordare che, sebbene il numero progressivo delle fatture di acquisto non sia obbligatorio, per una corretta applicazione delle norme, sarebbe opportuno procedere con le annotazioni.

Decreto Iva 2017: la comunicazione elettronica rivoluziona il sistema, come si presenta?

La comunicazione Iva si trasmette entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo al trimestre cui si riferisce tranne per il secondo trimestre. In questo caso infatti per perfezionare l’invio telematico si ha tempo sino al 16 settembre (e non il 31 agosto) inoltre per l’anno 2017 la comunicazione del primo trimestre è stata posticipata al 25 luglio (e non il 31 maggio). I termini di pagamento per l’Iva restano sempre gli stessi: l’Iva mensile si versa il 16 del mese successivo, l’Iva trimestrale invece il secondo mese successivo ai primi tre trimestri, il 16 settembre l’Iva del secondo trimestrale ed entro febbraio quella dell’ultimo.

Per la liquidazione periodica IVA (anche quella a credito) i termini sono i medesimi della comunicazione delle fatture di vendita e acquisto. Gli unici soggetti esonerati sono i professionisti che effettuano operazioni esenti Iva. Infine ricordiamo che, per la gioia dei contribuenti, sparisce lo spesometro annuale ma entro il 10 e il 20 aprile 2017 dovranno presentare quello per l’anno precedente rispettivamente i contribuenti mensili e trimestrali. Si resta in attesa di nuove comunicazioni da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*