Disastri naturali, Facebook attiva il pulsante per le donazioni di denaro

Disastri naturali, Facebook attiva il pulsante per le donazioni di denaro

Crisis Response Hub è un servizio di Facebook lanciato a settembre 2017, dopo i primi responsi positivi Zuckerberg ha deciso di migliorarlo, implementando la donazione diretta in caso di disastri naturali o attentati

Aiutare le persone con Facebook: come donare denaro?

Disastri naturali ed eventi terroristici sono all’ordine del giorno, mai avremmo pensato di vivere tempi così bui e difficili. In questi casi la solidarietà è tutto e grazie al social network Facebook si può fare tanto, anche stando comodamente seduti al pc. A settembre 2017 è stato lanciato Crisis Response Hub un servizio che segue in tempo reale le notizie e ci permette di conoscere lo stato di salute di parenti e amici che si trovano in aree colpite da terremoti o attentati. Oggi c’è una funzione in più che consente di inviare denaro alle organizzazioni che aiutano le vittime cliccando su un tasto.

Donazioni con GlobalGiving: quali commissioni?

La società che riceverà le donazioni è la GlobalGiving, no profit che collabora con diverse ONG che hanno la possibilità di essere presenti sul territorio appena si verificano gli eventi. GlobalGiving può stabilire a chi inviare denaro risolvendo così le situazioni di emergenza. La cosa positiva è che Facebook non applica commissioni alle donazioni fatte con il social.

Asha Sharma, responsabile dei prodotti social di Facebook ha dichiarato che in seguito ad un disastro le persone hanno bisogno di aiuti concreti per la ricostruzione. Nella nostra memoria sono impresse le immagini del sisma dell’Aquila e di quello che ha devastato il cuore dell’Italia lo scorso anno, ma ancora di più quelle che giungono dall’Iraq. Un forte terremoto di magnitudo 7,2 ha devastato la zona al confine con l’Iran. Le donazioni alle società no profit sono attive dal 2013 e da quel momento Facebook ha cercato di migliorare il servizio per contribuire in prima linea ad aiutare le comunità distrutte.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*