Divorziati: hanno più rischio di infarti e ictus

Divorzio, nuovi parametri per l’assegno di mantenimento: rivoluzione della Cassazione

I divorziati hanno più rischio di infarti e ictus. Questo è quanto emerge da una ricerca del Karolinska Institutet di Stoccolma, pubblicata sull’European Journal of Preventive Cardiology, rivista dell’Esc, Società europea di cardiologia.

Divorziati e ictus: lo studio

Lo studio, che ha seguito 29.226 persone scampate a un primo attacco di cuore, è legato da numeri implacabili: i pazienti divorziati hanno un rischio più alto del 18% di essere vittime di un attacco di cuore contrariamente a coloro che sono sposati. Con una peculiarità che rende il dato di fatto meno ovvio e facilmente spiegabile con il carico di stress che porta con sé ogni separazione, più o meno traumatica.

I ricercatori assicurano che non si può arrivare alle stesse conclusioni per le persone non sposate e vedove, ossia coloro che risentono lo stesso di una condizione di solitudine o addirittura un addio definitivo al coniuge. Pur presentando anche loro un livello di rischio più alto contrariamente alle persone sposate, i collegamenti visibili non sono stati considerati statisticamente significativi dai ricercatori e così la sola evidenza è che rimanere sposati aiuta il cuore e le coronarie.

Perché i divorziati rischiano l’infarto?

Secondo il ricercatore Joel Ohm: «Sembra che il matrimonio sia protettivo contro gli eventi ricorrenti ma da questo studio non possono essere tratte conclusioni sui meccanismi che soggiacciono a questi risultati».

Insomma, se è chiaro che il matrimonio è un toccasana contro infarti o ictus, meno evidenti sono i motivi, sui quali ci si può ancora frenare alle supposizioni, in attesa di altri studi.

Una cosa a sé sono le condizioni socioeconomiche. Alte (35%) le variazioni tra le persone più ricche e le persone più povere. Anche il grado di cultura fa la sua parte: i pazienti con più di dodici anni di studio sulle spalle hanno mostrato un rischio di recidiva dell’infarto inferiore del 14% se confrontati con coloro che hanno studiato per nove anni o anche meno.

Informazioni su Alessia D’Anna 492 Articoli
studentessa in giurisprudenza amante della scrittura, con esperienza nelle notizie dell'ultima ora

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*