DNA malato, all’università di Trento scoprono come ucciderlo

Al CIBIO dell’Università di Trento è arrivata la svolta forse più importante del nuovo millennio: i ricercatori hanno  infatti trovato la giusta arma che rasenta la precisione assoluta, in grado di sparare un solo proiettile e uccidere il DNA malato.

DNA malato, ci pensa il genome editing

La scoperta del genome editing è fondamentale perché andrà in aiuto ai tentativi di correzione delle alterazioni presenti, come le malattie genetiche e i tumori.

Lo studio Made in Italy è stato pubblicato dalla rivista “Nature Biotechnology”.

«La forza del lavoro è che abbiamo sviluppato una variante della molecola CRISPR/Cas9 più sicura e affidabile di qualunque altra finora descritta, che effettua il taglio di DNA soltanto nel punto voluto» ha detto Anna Cereseto, autrice senior.

Il metodo per modificare il DNA a scopo terapeutico, è stato messo a punto dal Centro di biologia integrata dell’Università di Trento, e potrebbe avere effetti a breve termine per la terapia genica delle malattie.

Il risultato della ricerca sul genome editing

Il metodo sperimentale di screening permette  di ottenere una molecola, che è detta evoCas9, molto precisa nel modificare il DNA. È un enzima con  un alto indice di affidabilità che consente il cambiamento soltanto nel punto malato.

L’evoCas9 è una “macchina molecolare”, composta dalla proteina Cas9 e da una molecola di RNA, che è in grado di dividere uno specifico segmento di DNA, consentendo di modificarne la sequenza.

“Il genome editing è davvero la scoperta del secolo in medicina, e non solo” ha affermato il direttore del CIBIO Alessandro Quattrone.

La molecola evoCas9 è stata ottenuta sottoponendo Cas9 a una evoluzione darwiniana in provetta, nascendo nei batteri, essa diventa una specie di sistema immunitario contro i DNA estranei.

L’intento del team della CIBIO è fare evolvere Cas9 in cellule non batteriche, una sorta di cesello che intarsia solo dove deve, un’arma di precisione che mira a sparare in un punto e risparmia tutto il resto. Il che la rende un sistema molto sicuro.

Lo studio ha portato già alla richiesta di un brevetto, così tra qualche mese si capirà se e come evoCas9 potrà porta alla svolta della biomedicina, Made in Italy.

Informazioni su Alessia D’Anna 540 Articoli
studentessa in giurisprudenza amante della scrittura, con esperienza nelle notizie dell'ultima ora

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.