Donatella Rettore oggi lascia Tale e Quale Show 2017, motivazione choc

Donatella Rettore oggi lascia Tale e Quale Show 2017, motivazione choc

La cantante Donatella Rettore ha un’infezione virale grave ai reni e alle vie respiratorie, per questo ha dovuto abbandonare Tale e Quale Show 2017. L’indiscrezione era stata riportata da Tv Sorrisi e Canzoni e la Rettore ha confermato tutto su Facebook.

Come sta Donatella Rettore?

Tale e Quale Show 2017 perde il simbolo di questa edizione: Donatella Rettore. La cantante ha deciso di ritirarsi perché le sue condizioni di salute non le consentono di proseguire la gara canora del venerdì sera di Rai1. Questa settimana la Rettore avrebbe dovuto interpretare la collega Ornella Vanoni ma la grave infezione virale ai reni e alle vie respiratore l’ha costretta a letto. Tantissimi i messaggi di solidarietà postati dai suoi fan sui social a dimostrazione del fatto che la cantante è ancora molto amata. Non ci sono ancora news sul sostituto di Donatella Rettore, Carlo Conti al momento ha preferito evitare l’argomento, la salute della cantante è più importante dello show ma nelle prossime ore potrebbero esserci degli aggiornamenti.

Donatella Rettore ha la talassemia

Prima di partecipare al programma di Rai1, la Rettore ha rilasciato un’intervista a DiPiù e ha confessato che da 29 anni convive con la talassemia, una particolare forma di anemia che considera la sua ‘croce’. Tuttavia la cantante continua ad affrontare la vita a testa alta senza mai piangersi addosso. Dopo tanti anni, come dicevamo, si è rimessa in gioco anche se ha confessato che non rifarebbe mai più quell’esperienza al reality La Fattoria.

È davvero un peccato non poter assistere alle nuove esibizioni di Donatella Rettore che tutti ricordiamo per grandi successi come Il Cobra. A Tale e Quale Show 2017 aveva fatto rivivere Gabriella Ferri e la sua imitazione di Caterina Caselli aveva riscosso grande successo del pubblico e della giuria.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*