Doping: aumenta il ricorso dell’aiutino “fai da te”

scadenza brevetti farmaci generici Cialis
Come Aumentare il Seno naturalmente.CLICCA per Info!

Sportivi, non professionisti, giovani: tutti com la mania del doping. E il luogo dello “spaccio”? Spesso è la palestra, e poi c’è Internet, dove non si può verificare la fonte e la composizione. I più consumati sono gli anabolizzanti ma anche amfetamine, coca ed exstasy.

Doping: aumenta l’uso del “fai da te”

Se non si sa o non si considera di avere malattie e/o un mix di sostanze può essere una tomba per la salute. È questo che porta il mercato illegale del doping di cui è stato parlato durante il 18° Congresso nazionale della Società italiana di tossicologia, che ha avuto termine nei giorni scorsi a Bologna.

Ormai negli anni più recenti si è verificata un aumento esponenziale del fenomeno doping poiché l’uso delle sostanze performanti non è più tanto circoscritto al mondo degli atleti professionisti ma si è diffuso negli ambiti sportivi amatoriali.

Tra i più utilizzati, ci sono pure gli steroidi anabolizzanti per aumentare la massa muscolare, con il rischio che un eccessivo aumento dei muscoli possa causare lo stiramento o la rottura del tendine coinvolto.

Molto usati anche psicostimolanti come amfetamina, cocaina, ecstasy, efedrina, con gli effetti che tutti sappiamo cosa provochino.

Doping e lo spaccio su internet

A peggiorare le cose si mette lo spaccio su Internet nel 36% dei casi (in questo caso non è possibile verificare la fonte originale e quindi la composizione effettiva: il prodotto spesso non contiene quanto dichiarato in etichetta), palestre nel 10%, e così via.

L’assunzione di queste sostanze non è supervisionata dal medico curante o a quello sportivo e dunque priva della supervisione di un esperto che possa controllare il rischio di questi interventi fai-da-te sul proprio organismo.

Essendo una pratica fai da te, l’atleta non è sa che l’assunzione di certe compresse o certi “farmaci” potrebbe essere nocivo a maggior ragione se è affetto da malattie che non sa di avere. Non a caso nel 13% dei casi sportivi che assumono doping sono anche in terapia con benzodiazepine (ansiolitici), antiepilettici, antidepressivi, e così via.

 

Informazioni su Alessia D’Anna 474 Articoli
studentessa in giurisprudenza amante della scrittura, con esperienza nelle notizie dell'ultima ora

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*