Estate 2017: le migliori spiagge per nudisti in Italia

Spiagge-per-nudisti-italia

Secondo una stima, gli amanti del naturalismo, ovvero del nudismo in Italia, sarebbero 500mila. Per questa ragione, il turismo italiano ha affiancato alle spiagge ufficiali zone della costa in cui il nudismo non è più un tabù: caratteristica comune delle spiagge per nudisti da Nord a Sud del Belpaese sono luoghi appartati e riservati, per chi ama la tintarella integrale. Ecco quali sono le migliori spiagge per nudisti in Italia dell’estate 2017.

La Spiaggia del Mort al Lido di Jesolo, in provincia di Venezia,  o il Nido dell’Aquila a San Vincenzo a Livorno, a pochi km dal parco naturale di Rimigliano. Ma anche la spiaggia di Capocotta a Roma (prima spiaggia naturista autorizzata in Italia) e il litorale del Troncone a Marina di Camerota (Salerno): in questi veri e propri paradisi estivi, il nudismo è ampiamente praticato e autorizzato, sia dagli italiani, ma anche dagli stranieri, molto più aperti di noi italici al naturalismo e al nudo integrale in presenza di altre persone.

Anche in Liguria ci sono note spiagge per nudisti: i litorali per naturalisti sono Chiavari e Tellaro, ma anche nel Parco delle Cinque Terre si possono trovare luoghi senza tabù come la spiaggia di Guvano, il cui accesso è consentito solo per mezzo di un tunnel o percorrendo un sentiero ripido. In Toscana, a Capalbio si è svolto a maggio il Festival Naturalista, mentre tra Sperlonga e Gaeta si nasconde la Spiaggia dell’Arenauta.

In Campania c’è anche la mitica Via Krupp a Capri come spiaggia aperta ai nudisti, ma anche Sicilia, Puglia e Sardegna aprono le porte a un turismo naturista. La sicula Torre Salsa è un’oasi WWF in provincia di Agrigento, ma anche i paradisi di Giutgia ovvero l’Isola dei Conigli (Lampedusa) e la Foce del Belice a Selinunte sono molto frequentati dai nudisti. Per i pugliesi, Torre Incina (Monopoli); Punta Penna (Brindisi); Lido di Siponto (Manfredonia) e San Cataldo (Lecce) sono i paradisi della tintarella integrale, mentre i naturisti si possono perdere tra le sarde dune di Piscinas (Carbonia-Iglesias) e a Porto Ferro, vicino a Sassari.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*