Firenze, immigrato accoltella l’autista di un bus

Firenze, immigrato accoltella l'autista di un bus

Sgomento nella provincia di Firenze, un immigrato di 19 anni ieri ha accoltellato l‘autista di un bus nel cuore di Siena. I carabinieri, che hanno fermato il ragazzo ferendolo a una gamba, stanno indagando sui motivi che abbiano spinto il ragazzo ha compiere il gesto. L’autista attualmente si trova ricoverato in prognosi riservata. Il commento social di Salvini: “Ferito l’aggressore? Che peccato…”.

Siena, in provincia di Firenze, sta vivendo ore di sgomento a causa dell’aggressione avvenuta sul bus in direzione Monteriggiori. Secondo i fatti il diciannovenne immigrato, di origini ivoriane, ha accoltellato l’autista del bus perforando un polmone e ferendolo gravemente a un braccio. Alcuni testimoni e i carabinieri intervenuti sul luogo, hanno raccontato che il ragazzo dopo il folle gesto è sceso immediatamente dal mezzo tentando la fuga. I militari, non essendo riuscito a bloccarlo, hanno fatto fuoco ferendolo a una gamba. L’immigrato, già noto alle forze dell’ordine in quanto fermato lo scorso 18 luglio sempre per via di un aggressione a un controllore di un treno, attualmente è in attesa di espulsione dal paese. L’autista del bus, invece, attualmente si trova ricoverato in prognosi riservata nell’ospedale Le Scotte di Siena.

Immigrato accoltella l’autista di un bus, il commento di Matteo Salvini

Il fatto di cronaca è stato immediatamente commentato da Matteo Salvini sui suoi canali socia. Secondo il politico l’aggressione subita dall’autista del bus a Siena, in provincia di Firenze, è solo uno dei tanti campanelli d’allarme all’interno di una società che non sa più come reagire. “Un immigrato africano di 19 anni, richiedente asilo in attesa di espulsione, ha accoltellato un autista di autobus vicino a Siena e poi ha aggredito i carabinieri che sono intervenuti.- Scrive Matteo Salvini -. Che brava persona, voleva pagarci la pensione. È stato ferito. Peccato“.

Copri il Vuoto o i capelli Bianchi con Fibre

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*