Fisco: in Italia arriva l’assegno universale per figli a carico, sostegno fino ai 26 anni

Fisco: in Italia arriva l’assegno universale per figli a carico, sostegno fino ai 26 anni

Autonomi con 30mila Euro di soglia ISEE e incapienti potranno ricevere un assegno familiare per i figli a carico in Italia. Il Governo cerca di varare la riforma del Fisco, anche se uno dei nodi cruciali è proprio l’assegno universale che si voterà la prossima settimana in Parlamento. La nuova norma a sostegno del reddito consentirebbe di dare benefici all’85% dei nuclei familiari italiani e si prospettano numerose novità anche in fatto di durata e di limite di età. Qualora il DDL Povertà non fosse cambiato, la misura di sostegno economico durerebbe per le famiglie fino ai 26 anni della prole.

L’assegno universale per i figli a carico è stato concepito rispettando il criterio dell’equità , perché supererebbe l’attuale paradosso del Welfare che non copre le famiglie povere, chi ha un lavoro autonomo e gli incapienti. In pratica, questo aiuto e sostegno economico promosso dal Fisco mediante il DDL Povertà accompagnerebbe i figli a carico fino alla loro autonomia presunta, scalando la cifra secondo determinate tempistiche: fino ai 3 anni dei bambini, l’ammontare dell’assegno sarebbe Euro 200 al mese; dai 3 ai 18 anni la cifra scende a 150 Euro a mese e fino ai 26 anni l’assegno universale diventa di 100 Euro al mese per ogni figlio a carico.

Come per tutte le misure a sostegno del reddito, per richiedere questo beneficio bisogna valutare la soglia ISEE: fino ai 30mila Euro di soglia l’assegno sarà uguale per tutti, per poi calare nella fascia tra i 30mila e i 50mila Euro. SI prevede l’innalzamento della soglia di 5mila per ogni figlio a carico ulteriore, mentre per gli incapienti si prevede che questo beneficio sia riconosciuto in denaro in modo che possano usufruire delle detrazioni fiscali. L’assegno universale quindi non è legato alla condizione di lavoro e andrebbe a sostituire tutti gli attuali sostegni e detrazioni per figli a carico fino ai 26 anni di età in Italia, iniqui e spesso complicati da richiedere e gestire dal punto di vista fiscale, visto che farà fede solamente la soglia ISEE e il numero di bambini, qualora l nucleo familiare fosse numeroso.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*