Imu e Tasi 2017: scadenza, esenzioni e calcolo primo acconto

0
Imu e Tasi 2017: scadenza, esenzioni e calcolo primo acconto

Il 16 giugno 2017 scadono Imu e Tasi: quali esenzioni? Indicazioni per non sbagliare l’importo della prima rata

Milioni di contribuenti italiani il prossimo 16 giugno 2017 saranno alle prese con la scadenza di Imu e Tasi. Purtroppo l’esenzione riguarda solo l’abitazione principale, seconde case, locali e altri tipi di immobili sono esclusi. L’Imu è l’imposta municipale sugli immobili che ha sostituito la vecchia Ici. Oltre all’esenzione sulla prima casa si deve tenere conto delle aliquote che possono raggiungere l’1,06% del valore catastale dell’immobile. La Tasi invece è l’imposta sui servizi indivisibili, ovvero la manutenzione delle strade e la pubblica illuminazione. I contribuenti interessati, il 16 giugno 2017 verseranno l’acconto (il saldo è a dicembre).

Aumento naturale e rassodante, Pagamento alla consegna GRATIS

Le due imposte Imu e Tasi pur essendo simili presentano importi diversi in base al comune dove è accatastato l’immobile. L’esenzione Imu necessita di alcuni requisiti oltre alla residenza anagrafica, per esempio l’abitazione non deve essere di pregio e classificato nella categoria A/1, oppure A/8 (ville) e A/9 (castelli e palazzi). L’esenzione spetta anche per le pertinenze classificate come C/2, C/6 o C/7 (ovviamente solo su una).

Per il calcolo delle aliquote da applicare ci sono due metodi, la prima riguarda le delibere dei Comuni, la seconda il dovuto in base alle detrazioni in vigore lo scorso anno, proprio come si faceva con l’Ici. Maggiori informazioni possono essere richieste presso i CAF, i Patronati e i centri abilitati, nonché presso gli studi di consulenti finanziari e commercialisti. Non fatevi trovare impreparati, l’Imu e la Tasi scadono il 16 giugno 2017.

Piperina e Curcuma in OFFERTA, Pagamento alla consegna GRATIS