In Nuova Zelanda il sensazionale ritrovamento di un calamaro di quattro metri

0

Un evento fuori dal comune quello che è capitato a tre fratelli neozelandesi. I giovani hanno, infatti, ritrovato sulla spiaggia un calamaro gigante.

Aumento naturale e rassodante, Pagamento alla consegna GRATIS

LO STUPORE DEI TRE GIOVANI

Daniel, Jack e Matthew Aplin hanno da poche ore conosciuto la notorietà. I tre giovani si erano recati da poco sulla spiaggia di Wellington, in Nuova Zelanda, e, letteralmente, non potevano credere a quello che c’era davanti ai loro occhi. I tre fratelli sono stati subito colti dallo stupore dopo aver ritrovato sulla spiaggia un calamaro gigante.

Il cefalopode, che è stato misurato e risulta essere di 4,5 metri, si era proprio arenato su quella spiaggetta e i tre fratelli avvicinandosi sono stati incuriositi dalla gigantesca sagoma.

Il sito Newstalk ZB, infatti, riporta le prime reazioni che hanno avuto i ragazzi alla vista del calamaro gigante. Daniel ha raccontato: “Mio fratello ha detto ‘cosa c’è laggiù?’ e l’ha indicato” – poi continua – “Era proprio vicino al passaggio quindi ci siamo avvicinati e abbiamo detto: ‘È un grandissimo calamaro’”.

LA CONFERMA DA PARTE DEGLI ESPERTI

I tre fratelli, ripresi dalla sorpresa iniziale, hanno subito allertato gli esperti. Sono stati proprio gli uomini del Dipartimento di Conservazione della Nuova Zelanda, che hanno confermato che si tratta di un esemplare di calamaro gigante: “Il più grande cefalopode conosciuto al mondo e, probabilmente, il più grande invertebrato mai esistito”.

Daniel, Jack e Matthew Aplin non hanno resistito e, ovviamente, hanno scattato delle fotografie insieme al calamaro gigante. Queste sono visibili e state pubblicate sulla pagina ufficiale di Facebook dell’Ocean Hunter Spearfishing and Freediving Specialists.

Aumento naturale e rassodante, Pagamento alla consegna GRATIS

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.