Juventus-Milan, rossoneri devastano gli spogliatoi del Juventus Stadium

juventus-milan

Si sa che il derby calcistico Juventus-Milan accende gli animi dei tifosi bianconeri e rossoneri, ma ieri allo Stadium s’è quasi sfiorata la tragedia. Alcuni giocatori del Milan non hanno mandato giù il rigore dubbio fischiato all’ultimo secondo dall’arbitro (reo, anche, di aver donato alla squadra torinese troppi minuti di recupero e mentre Vincenzo Montella, il loro allenatore, si scusava per la rabbia e la veemenza di alcuni membri della squadra davanti alla maggioranza dei giornalisti sportivi, gli spogliatoi del Juventus Stadium sfogavano la rabbia della sconfitta 2-1 devastando letteralmente gli spogliatoi riservati agli ospiti.

Secondo fonti vicine alla Juventus, alcuni giocatori rossoneri hanno devastato letteralmente gli spogliatoi dello Stadium nell’area adibita alle squadre ospiti, causando danni agli arredi e soprattutto alle insegne bianconere. Il Milan si sta trincerando dietro un NO COMMENT molto eloquente, vista la risonanza mediatica che questa notizia ha portato. Il rigore contestato e realizzato da Dybala al 95esimo ha fatto scattare il nervosismo ai giocatori della squadra di Milano, ma puntare il dito contro delle persone in particolare.

A onor del vero, Donnarumma e Bacca erano parsi i più nervosi a fine partita: saranno stati loro a sfogarsi devastando letteralmente gli spogliatoi dello Juventus Stadium, proprio mentre il loro allenatore, Vincenzo Montella, parlava ai microfoni scusandosi delle male parole riferite all’arbitro dal suo portiere e dal comportamento non proprio sportivo dei suoi giocatori prima di lasciare definitivamente il campo, durante il finale: giocatori attorno all’arbitro Massa, ma soprattutto all’assistente Doveri, reo di aver assegnato il rigore della discordia. Adesso, i rossoneri dovranno attendere ancora le decisioni arbitrali per capire che conseguenze ci saranno per questo deplorevole gesto. Oltre al danno, la beffa: al Milan non è bastato il rigore fantasma e la sconfitta, ora ci saranno sicuramente delle sanzioni per tutta la squadra.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*