Laura Flessel, ministro dello Sport francese, si è dimessa

0
«le basi per una profonda revisione del modello sportivo francese e della sua governance»

Nuove dimissioni nel governo francese. Dopo le dimissioni del Ministro della Transizione ecologica e sociale Nicolas Hulot, sono arrivate anche quelle del ministro dello Sport Laura Flessel. Le motivazioni non sono state del tutto spiegate: la Flessel, ex schermitrice, ha dichiarato che le sue dimissioni sono avvenute per motivi personali. Gli stessi motivi personali avevano portato anche alla rinuncia da parte di Hulot, che aveva detto di essersi sentito solo negli ultimi mesi, per via di un’indifferenza totale da parte di Macron e del governo francese. Adesso è il momento del cosiddetto rimpasto dei ministri francesi, che il presidente della Repubblica dovrà compiere in questa giornata.

Aumento naturale e rassodante, Pagamento alla consegna GRATIS

Chi è Laura Flessel, ex ministro dello Sport francese

Laura Flessel non è stato certamente un personaggio poco noto nella storia sportiva della francia. La donna, infatti, che era diventata ministro dello Sport a partire dal 2017, ha avuto un grande passato nell’ambito della scherma.

Basti pensare che, nei Giochi Olimpici, aveva portato a casa due medaglie d’oro, una d’argento e due di bronzo. 

Laura Flessel si è dimessa

Sono arrivate le dimissioni da parte del ministro dello Sport francese, dopo qualche giorno in cui c’erano state anche quelle di Nicolas Hulot, Ministro della transizione ecologica e sociale.

Nel comunicato in cui sono state annunciate le dimissioni, la donna ha annunciato di aver preso la sua scelta “per motivi personali”. Secondo la donna, sono state poste «le basi per una profonda revisione del modello sportivo francese e della sua governance», soprattutto in virtù delle Olimpiadi francesi del 2024. Ha parlato anche di “un anno eccezionale”, grazie anche alla vittoria dei Mondiali da parte della Francia.

Perchè le dimissioni del ministro dello Sport sono gravi per la Francia

Le dimissioni del ministro dello Sport non sono tanto gravi in quanto tali, ma perchè seguono – a distanza di poco tempo – quelle del ministro della Transizione ecologica e sociale Nicolas Hulot. I motivi, anche in questo caso, derivano da un qualcosa di personale che non ha permesso ai ministri di continuare con il proprio lavoro.

Per la Francia due dimissioni di questo tipo sono gravi: era stato lo stesso presidente Macron a spingere per la cosiddetta “società civile” dei ministri, di cui sia la Flessel che Hulot erano esponenti. Adesso al presidente tocca il rimpasto dei ministri.

Aumento naturale e rassodante, Pagamento alla consegna GRATIS

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.