Luca Russo è il secondo italiano morto a Barcellona

Luca Russo è il secondo italiano morto a Barcellona

È di Bassano la seconda vittima dell’attentato a Barcellona, era in città con la fidanzata

C’è un altro italiano tra le vittime dell’attacco terroristico avvenuto ieri pomeriggio sulla Rambla a Barcellona. Luca Russo era nella città catalana insieme alla fidanzata che è ferita ma non è in gravi condizioni. La notizia era stata riportata dall’Ansa ed è arrivata la conferma ufficiale da parte della Farnesina. Intanto la sorella ha lanciato un appello disperato sui social con cui ha chiesto aiuto per far rientrare la salma in Italia. Già ieri pomeriggio si era allarmata dopo che Luca Russo non rispondeva al cellulare e solo nelle scorse ore la tragica notizia.

Luca Russo era laureato in Ingegneria Energetica, lavorava in un’azienda e su Facebook aveva scritto un messaggio molto particolare qualche mese fa che oggi risulta quasi profetico: «Nasciamo senza portare nulla, moriamo senza portare via nulla. Ed in mezzo litighiamo per possedere qualcosa». Intanto pare che i feriti italiani dell’attentato a Barcellona siano 3 in totale, due sono stati dimessi, la terza è proprio Marta, la fidanzata di Luca Russo.

Bruno Gulotta è morto davanti agli occhi dei figli, il racconto straziante della compagna

Le testimonianze che arrivano da Barcellona sono agghiaccianti, la compagna di Bruno Gulotta, la prima delle vittime italiane identificate si è messa in contatto con i suoi amici e ha raccontato quello che è successo. Lei e Bruno passeggiavano sulla Rambla con i figli, la più piccola di pochi mesi era nel marsupio insieme a lei, mentre l’altro di 5 anni era con il padre. Quanto il furgone si è lanciato sulla folla è riuscita ad afferrarlo, ma Gulotta è stato schiacciato ed è morto sotto gli occhi della compagna e dei bambini.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*