Malattie rare senza nome, diagnosi dopo 30 anni

Malattie rare senza nome, diagnosi dopo 30 anni
PELLE RIGENERATA IN 4 SETTIMANE con SIERO EXTRA LIFT BARO COSMETICS

I medici dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma sono riusciti a dare un nome alle malattie rare di cui sono affetti due ragazzi, Laura e Marco. Finalmente per loro c’è una speranza perché per 30 anni non hanno avuto una diagnosi certa.

Encefalite rara, scoperte nuove patologie

Sostenere la ricerca è importante per dare speranza a ragazzi come Marco e Laura. Dopo tanti anni di lavoro infatti i ricercatori dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù sono riusciti ad identificare le malattie rare da cui sono affetti questi ragazzi, ormai trentenni. I medici hanno indicato come responsabili le mutazioni dei geni CLTC e DHDDS che causano due rare encefaliti. A coordinare i lavori di ricerca è stato il direttore Scientifico Bruno Dalla Piccola insieme al Responsabile dell’Area di ricerca genetica e malattie rare Marco Tartaglia e ai clinici di neuropsichiatria infantile del Policlinico Umberto Primo del professor Vincenzo Leuzzi. Questo studio ha dato risposte sulle malattie di Laura e Marco e sono stati individuati 8 nuovi geni correlati al deficit cognitivo e all’encefalopatia epilettica.

Mutazione dei geni CLTC e DHDDS, conseguenze

Laura ha 30 anni e sin da quando era bambina è in cura presso l’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma perché affetta da una malattia rara con deficit cognitivo e disturbi del movimento. A causarla è la mutazione del gene CLTC. La madre di Laura è molto conosciuta perché è considerata una leggenda nella lotta contro le malattie rare, a riferirlo è stato Marco Tartaglia. La donna non si è mai arresa, voleva dare un nome alla malattia di sua figlia. Aver identificato il gene è il primo passo perché potranno essere sperimentati diversi approcci farmacologici o svilupparne nuovi. Il quadro clinico infatti sarà studiato in maniera accurata.

Situazione simile per Marco, trentenne come Laura, e affetto da grave ritardo psicomotorio, epilessia e disturbi del movimento sin dalla tenera età. La mutazione genetica che ha stravolto la sua vita riguarda invece il gene DHDDS e, secondo i medici potrebbe essere insorta al momento del concepimento. Anche la famiglia di Marco adesso ha trovato un po’ di pace dopo tanta sofferenza e per lui spera un futuro migliore e con meno sofferenza.

Lo studio delle malattie genetiche di Laura e Marco è stato pubblicato sull’ultimo numero della rivista scientifica American Journal of Human Genetics e si inserisce in un progetto di ricerca internazionale coordinato dai medici del “The Hospital for Sick Children” di Toronto e del “CHU Sainte-Justine Research Center” di Montreal.

NON RIMANDARE COME AL SOLITO, LA BELLA STAGIONE SI AVVICINA, CREMA ANTICELLULITE BARO COSMETICS, LA MIGLIORE

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*