Manutenzione della caldaia: vantaggi ed interventi da effettuare

0
Manutenzione della caldaia

Con l’avvicinarsi del periodo più freddo dell’anno è sempre fondamentale avviare i sistemi di riscaldamento domestici. L’impianto, per poter garantire la corretta sicurezza, deve funzionare nel modo corretto e per questo è davvero importante garantire una precisa manutenzione di tutto il sistema di riscaldamento che abbiamo in casa. Possono essere differenti le possibilità di manutenzione della caldaia, con interventi che vanno dalla verifica generale del funzionamento dell’impianto fino all’opportunità di pulire la canna fumaria. È possibile anche effettuare un intervento mirato di controllo dei fumi. Sono tutte operazioni necessarie che devono essere svolte con molta precisione da un tecnico esperto, che possa rilasciare le specifiche autorizzazioni capaci di garantire la piena efficienza dell’impianto nel corso della stagione invernale.

I vantaggi degli interventi di manutenzione dell’impianto

Una delle operazioni che un tecnico esperto può effettuare consiste nel rilascio del bollino caldaia Roma. Di che cosa si tratta nel dettaglio? Il bollino per la caldaia a gas è un’apposita certificazione rilasciata appunto da un tecnico specializzato che viene richiesta dal Comune per garantire la sicurezza dell’impianto di riscaldamento domestico.

Attraverso questa certificazione, che può essere ottenuta dopo un controllo accurato del funzionamento della caldaia, si riesce a garantire la piena efficienza dell’impianto. Il tecnico procederà, per rilasciare il bollino, ad effettuare alcuni interventi fondamentali, come quelli relativi ai fumi di scarico, alla pressione e al bruciatore.

L’obiettivo consiste nella verifica della presenza di eventuali elementi inquinanti e nella conseguente eliminazione di queste sostanze pericolose che possono trovarsi nei fumi di scarico dell’impianto.

I vantaggi di una corretta manutenzione della caldaia sono veramente tanti. Infatti possiamo assicurarci numerosi benefici da un controllo periodico dell’impianto di riscaldamento, che vanno dalla possibilità di diminuire le spese relative al consumo di combustibile al miglioramento della qualità dell’aria.

In generale si vengono a creare le condizioni per un miglioramento del rendimento termico dell’intero impianto installato tra le pareti della nostra abitazione.

Le altre opere di manutenzione della caldaia

Le norme stabiliscono alcuni interventi che devono essere effettuati periodicamente per assicurare l’efficienza e la sicurezza dell’impianto di riscaldamento e in particolare della caldaia in casa.

Iniziamo proprio dalla pulizia della caldaia, che deve essere effettuata nel momento in cui la temperatura dei fumi supera i 50 gradi, un valore che deve essere comunque tenuto in considerazione e rilevato quando la caldaia è pulita.

Un altro elemento da considerare è quello del consumo di acqua. È bene procedere ogni due mesi ad effettuare una verifica del consumo, con una lettura del contatore, per saperne di più sul funzionamento dell’impianto.

È opportuno procedere periodicamente anche al controllo del serbatoio del gasolio e al rilevamento delle emissioni con il relativo controllo del rendimento della combustione.

Tutti questi controlli vanno effettuati non solo per garantire la sicurezza in casa e per essere completamente tranquilli del corretto funzionamento dell’impianto, ma anche per un’opera di prevenzione di guasti e di rotture che possono interessare parti della caldaia anche abbastanza costose, incidendo di conseguenza sul budget economico familiare.

Un tecnico esperto sa come procedere per garantire la possibilità di agire in sicurezza. Proprio per questo motivo è sempre bene affidarsi ad un tecnico specializzato ed evitare assolutamente il fai da te.

In particolare, parlando del bollino blu a Roma, si tratta di una certificazione che deve essere effettuata periodicamente ogni quattro anni se la caldaia si trova all’esterno ed ha meno di otto anni oppure ogni due anni se la caldaia è installata all’interno della casa o ha più di otto anni.

Per chi usufruisce di un impianto di riscaldamento centralizzato o nel caso dei condomini il rinnovo deve essere effettuato ogni anno. Lo stesso vale per le caldaie che hanno una potenza superiore a 100 kW.