Modella mette la verginità all’asta, ma era uno scherzo

Modella italiana illibata mette all'asta la verginità

Il gioco è bello quando dura poco direbbe un vecchio proverbio. E forse non è certo una sciocchezza. Pochi giorni fa la notizia di una modella che metteva la verginità all’asta per pagarsi gli studi aveva fatto il giro del web. Ma oggi la ragazza, italiana, smentisce in un’intervista al Corriere della Sera.

Mette la verginità all’asta: ora smentisce

Una modella italiana aveva deciso di mettere la sua verginità all’asta al fine di pagarsi gli studi, ma qualche ora fa è arrivata la smentita sul Corriere della Sera.

Sul quotidiano milanese, infatti, è stata pubblicata l’intervista della diretta interessata. La ragazza dice “È iniziata come una provocazione ma ho capito quanto fossi dentro questa storia quando è arrivata l’offerta da un milione di euro e l’agenzia mi ha chiesto di consultare un economista per scegliere come essere pagata” 

La ragazza dice che è stato solo uno scherzo, il suo intento non era “vendere” il suo corpo ma vedere fino a dove gli uomini si spingessero ad offrire soldi pur di passare qualche ora con lei.

Lo scherzo della modella

La modella aveva messo in piedi un “gioco” coi fiocchi. La ragazza infatti aveva preso contatti anche con varie agenzie straniere che le avevano richiesto il certificato del medico. Lei lo ha mandato e alla fine si aggrega all’agenzia “Elite Models Vip”. 

Subito dopo sono cominciate ad arrivare le prime offerte. Tra cui quella che ha fatto più scalpore, dal valore di un milione e sei, cifra che un uomo avrebbe voluto tranquillamente spendere per stare con lei.

La ragazza sostiene che non ha mai pensato di farlo davvero. Pensava di troncare il gioco quando volesse, senza problemi e invece ora si ritrova in un incubo.

Pare infatti che l’agenzia continui a chiamarla chiedendole dove vuole che le sia accreditato il bonifico.

Informazioni su Alessia D’Anna 492 Articoli
studentessa in giurisprudenza amante della scrittura, con esperienza nelle notizie dell'ultima ora

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*