Mondiali di calcio, l’intelligenza artificiale ha individuato la possibile vincitrice

I Mondiali di calcio del 2018 in Russia si preannunciano ricchi di sfide interessanti. Tra le squadre favorite (come la corazzata tedesca e i due squadroni sudamericani, Brasile e Argentina) e le possibili outsider (come la Croazia dal centrocampo stellare o la Francia ricca di talenti) non è certamente semplice stabilire quale squadra sarà la vincitrice dei prossimi Mondiali. E’ stata però l’intelligenza artificiale a svolgere questo arduo compito: considerando tantissimi valori, quali ranking, età media e molto altro, ha scelto una sola tra le nazionali partecipanti, con relativa percentuale. Ecco chi vincerà il Mondiale secondo l’algoritmo.

La squadre favorite ai Mondiali di calcio

Scegliere una nazionale vincitrice dei prossimi Mondiali non è assolutamente semplice. Tante, infatti, sono le squadre che possono ambire alla vittoria finale. I bookmakers puntano particolarmente sul sicuro: Germania, Argentina e Brasile sono le squadre che, secondo gli scommettitori, potrebbero ambire alla vittoria finale. La nazionale tedesca tenta il bis, dopo la vittoria nel 2014; Brasile e Argentina, invece, si confermano una spanna sopra tutti gli altri per quanto riguarda l’organico, con pezzi importantissimi come Messi, Neymar, Aguero, Gabriel Jesus e molto altro.

Attenti però a non sottovalutare nazionali come Spagna e Francia. Da un lato, la Spagna ha ritrovato una forma ottimale negli ultimi due anni, dopo la disfatta proprio agli europei contro l’Italia. Tuttavia, l’improvviso esonero dell’allenatore Lopetegui potrebbe condizionare l’andamento di Sergio Ramos e compagni. Quanto, invece, alla Francia: la nazionale di Deschamps è ricca di talenti (Mbappe, Griezmann, Pogba su tutti) e potrebbe essere la vera sopresa di questo mondiale.

Il metodo della foresta di squadre

Per tentare di risolvere l’intrigo della possibile vincitrice dei Mondiali di Calcio, un team di ricercatori tedeschi ha fatto affidamento all’intelligenza artificiale. I ricercatori della Technical University di Dortmund si sono infatti serviti di un algoritmo che ha effettuato le previsioni basandosi sul metodo della foresta di squadre.

Il metodo della foresta di squadre si basa su una serie di procedimenti matematici in grado di rendere più semplice il compito dell’intelligenza artificiale. Quante più variabili vengono inserite, tanto più possono essere le possibilità di accoppiamento: alla fine, la nazionale che risulta essere più volte scelta dall’intelligenza artificiale, è quella che ha un margine maggiore di vittoria. Le variabili inserite sono molteplici: alcune di natura prettamente calcistica (come il ranking Fifa, l’età media dei calciatori o l’esperienza europea degli stessi), altre più ampie (come numero della popolazione del paese o PIL del paese stesso).

Il termine “foresta” deriva proprio dallo schema che viene dunque a formarsi: uno schema sempre più ramificato, che tiene conto di tutte le variabili e che crea tutti i possibili accoppiamenti dagli ottavi in poi, fino ad arrivare alla vincitrice della finale. Il peso delle variabili deriva proprio dall’intelligenza artificiale, che determina quali variabili siano più essenziali nella scelta delle squadre vincitrici dei vari abbinamenti. I risultati sono stati pubblicati su ArXiv, database della Cornell University.

Chi vincerà i Mondiali di calcio secondo l’intelligenza artificiale?

Stando a quelli che sono i procedimenti effettuati dall’intelligenza artificiale, la squadra che probabilmente potrebbe vincere il mondiale sarà la Spagna, con una percentuale del 17,8%. Tuttavia, si tratta di una percentuale arbitraria, e che tiene conto solo di determinati tipi di abbinamento. Nel caso in cui, invece, sia Spagna che Germania dovessero riuscire a superare gli ottavi, per poi sfidarsi in semifinale, sarà proprio la nazionale teutonica ad avere la meglio in finale, battendo il Brasile.

Il passaggio ai quarti della Germania ha una percentuale dell’appena 58%, contro il 73% della Spagna (che avrà ottavi molto semplici, nel caso in cui dovesse passare il girone). I ricercatori spiegano: “è data come favorita rispetto alla Germania soprattutto perché quest’ultima, per via della struttura dei gironi e degli incroci previsti dal calendario, ha una probabilità più alta di uscire agli ottavi”.

L’algoritmo ha poi simulato gli interi Mondiali di calcio; di conseguenza, tutte le sfide dovrebbero portare, a una probabilità molto più alta rispetto a tutte le altre, a una vittoria finale ancora sulla Germania. Ma si tratta di percentuali basse, tali da non garantire la sicurezza che ciò che è stato previsto possa realmente accadere.

Informazioni su Bruno Santini 134 Articoli
Amante della scrittura e dell'attualità, esperto di news che spaziano tra svariati temi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.