“Odio le donne e voglio ucciderle”: la terribile confessione del mostro di Ecatepec

0

È chiamato anche il mostro di Ecatepec. Juan Carlos, il 33enne messicano che ha ucciso una ventina di donne con l’aiuto della moglie e non si è mai pentito. Il mostro ha confessato di odiare le donne ed è orgoglioso di quello che ha fatto.

Aumento naturale e rassodante, Pagamento alla consegna GRATIS

Il mostro di Ecatepec

Il messicano Juan Carlos aveva un solo scopo nella vita: uccidere le donne. Il 33enne odiava così tanto le donne che nella sua confessione ha detto che la sua missione era continuare ad ammazzarle perché gli rubavano l’ossigeno ed era meglio darle in pasto ai suoi cani. Il pluriomicida reo confesso non ha mostrato alcun segno di pentimento e si è detto orgoglioso. Non ha agito da solo, ma insieme alla moglie Patricia.

Vittime adescate dalla moglie

Gli inquirenti hanno ricostruito il caso del mostro di Ecatepec e hanno scoperto che la moglie del pluriomicida adescava le vittime. Patricia si spacciava come venditrice di vestiti e profumi a basso costo, e quando le donne dai 20 ai 30 anni entravano in casa della coppia venivano uccise. L’uomo ha confessato dei particolari raccapriccianti, dopo aver tagliato la gola alle vittime aveva rapporti sessuali con i cadaveri che poi venivano dati in pasto agli animali. Inoltre gli organi vitali come i reni e i polmoni erano asportati e conservati nel congelatore prima di essere venduti sul mercato nero.

Le indagini

La coppia ha iniziato il suo piano nel 2012, ma gli omicidi erano dei veri e propri cold case. Solo nell’ultimo periodo i sospetti sono ricaduti sul messicano perché le donne scomparse abitava quasi tutte nello stesso quartiere. Juan Carlos e Patricia sono detenuti in carcere, e l’uomo è convinto che uscirà fuori per portare a termine la sua missione. Per lui era stata predisposta la perizia psichiatrica ma il messicano ha dichiarato di essere sano sia fisicamente che mentalmente.

Aumento naturale e rassodante, Pagamento alla consegna GRATIS

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.