Omicidio Jessica Faoro, il comune paga i funerali

Omicidio Jessica Faoro, il comune paga i funerali

Jessica, la ragazza uccisa a Milano, aveva un passato difficile. La sua famiglia ha deciso di non pagare i funerali e dopo la proposta di Don Gino Rigoldi, il comune di Milano si è offerto di sostenere le spese.

Jessica voleva cambiare vita

Una proposta serena quella del tramviere che aveva offerto un lavoro a Jessica Faoro. Avrebbe vissuto con lui e la moglie e lei avrebbe ripagato vitto e alloggio in Via Brioschi facendo le pulizie. La ragazza aveva un passato difficile, come ha raccontato Don Gino Rigoldi che conosceva sia Jessica che il fidanzato. Dopo l’arresto del giovane era rimasta scossa, e soprattutto sola. Ai funerali che saranno celebrati domani ci sarà anche lui, ha ottenuto un permesso speciale per uscire dal carcere di Busto Arsizio dove è detenuto.

Delitto Jessica Faoro

Alessandro Garlaschi, il padrone di casa di Jessica, non voleva una ragazza alla pari. Più volte aveva tentato approcci sessuali con la 19enne e all’ennesimo rifiuto è scattata la furia omicida. La ragazza aveva anche parlato con i carabinieri prima dell’omicidio, riferendo i comportamenti ambigui di Garlaschi. L’intera comunità milanese è ancora sconvolta per l’accaduto ma nessuno dei familiari di è fatto avanti nemmeno per pagare le spese del funerale. Dopo l’appello lanciato su Facebook dal cappellano del carcere minorile Cesare Beccaria, il comune di Milano ha deciso di farsi carico delle spese per le esequie.

Don Gino Rigoldi

Il sacerdote conosceva molto bene Jessica Faoro e l’aveva accolta nella sua Comunità Nuova. Don Gino era vicino anche al fidanzato Alessandro, arrestato per furto. Al settimanale Panorama ha raccontato che Jessica non era una tossica e passava giornate intere sotto la finestra della cella del fidanzato. I funerali saranno celebrati domani e la messa sarà presieduta proprio da Don Gino che darà l’ultimo saluto a Jessica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.