Oncologo cura donna malata di cancro: il figlio gli regala i suoi risparmi

Dona risparmi al medico che ha curato la mamma
Come Aumentare il Seno naturalmente.CLICCA per Info!

C’è una storia virale che ha commosso l’Italia, è quella di Giovanni, un bambino di 5 anni che ha deciso di donare tutti i suoi risparmi alla ricerca e li ha affidati al medico che ha curato la sua mamma.

Pietro Caldarella salva la mamma di Giovanni

Il dottor Pietro Caldarella ha condiviso su Facebook la foto con la letterina di Giovanni. Il bambino ha solo 5 anni ma ha già capito quanto può essere “cattiva” la vita. La sua mamma si è ammalata ma adesso sta meglio e lui ha ringraziato a modo suo il medico che l’ha curata. A 34 anni la donna ha scoperto di avere un cancro al seno, c’erano poche speranze, ma poi ha incontrato il dottor Pietro Caldarella e la sua equipe che si sono presi cura di lei.

Cancro al seno, la cura ha funzionato

Il dottor Pietro Caldarella è il vicedirettore del dipartimento di senologia dell’IEO di Milano. La sua missione è quella di salvare vite umane e ridurre la sofferenze che deriva dalle terapie. Lo scorso anno ha preso in cura la mamma di Giovanni che oggi sta bene. Qualche giorno fa la donna si è presentata nel suo studio con il figlio di 5 anni che aveva presto tutti i suoi risparmi e li aveva chiusi in una busta: «Grazie dottore di aver salvato la mia mamma».

Quando abbiamo visto la foto condivisa su Facebook ci siamo emozionati. Nessuno slogan è più efficace di questo per far capire quanto sia importante donare fondi alla ricerca ed è proprio vero. Negli scorsi giorni sono stati pubblicati i risultati di uno studio su “Nature Communications” che ha dimostrato che non esiste un solo tipo di tumore alla mammella. Purtroppo gli strumenti a disposizione dei medici consentono la diagnosi del cancro solo quando si è già sviluppato, la massa è eterogenea e le cellule che la compongono sono diverse, un meccanismo che impedisce ai farmaci di fare effetto e che dà origine a nuovi tumori in altri organi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*