Papà lascia i figli in auto per fare shopping, bimba strangola il fratellino

0

Tragedia a Houston dove un padre a ha lasciato i suoi due figli incustoditi all’interno dell’auto per andare a fare compere. La sorella maggiore ha strangolato il fratellino più piccolo di solo un anno.

Aumento naturale e rassodante, Pagamento alla consegna GRATIS

Il papà ha lasciato i piccoli in auto

Il papà ha lasciato i piccoli in auto e si è recato al Family Thrift Store per acquistare dei vestitini ai bambini. Secondo quanto dichiarato agli inquirenti da Adrian Dreshaun Middleton, padre dei minori, prima di recarsi al negozio avrebbe lasciato accesa l’auto con l’aria condizionata, dato loro la merenda e sintonizzato un tablet su uno dei cartoni animati preferiti dei bambini.

E’ successo a Houston nello scorso maggio, come riportato anche da ilmessaggero.it. Il padre dei bambini ha riportato agli agenti di polizia di esser rimasto all’interno dello store solo una quarantina di minuti, ma il racconto non coincide con quello visionato sui video registrati dalle telecamere di sicurezza. Secondo i filmati, l’uomo è rimasto in negozio ben un’ora e quaranta minuti.

Lo strangolamento del piccolo

Lo strangolamento del piccolo è avvenuto per mano della sorella più grande di sei anni. Stando al racconto della piccola, il fratellino di un anno non smetteva di piangere e questo ha scatenato in lei rabbia.

Il padre dei due bambini una volta tornato in auto ha visto sua figlia maggiore piangere e il piccolo avvolto con la cintura di sicurezza intorno al collo. Inizialmente, l’uomo ha pensato che il piccolo stesse dormendo, ma quando si è accorto della gravità della situazione ha subito chiamato i soccorsi.

L’uomo ha contattato il 911 e poco dopo sul luogo della tragedia è arrivata un’ambulanza. I paramedici hanno provato a rianimare con ogni mezzo il fratellino di un anno, ma ormai era troppo tardi, non hanno potuto che constare il decesso del bambino.

Aumento naturale e rassodante, Pagamento alla consegna GRATIS

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.