Pedofilia, passaporto con bollino rosso a chi è stato schedato

0
Pedofilia passaporto con bollino rosso a chi è stato schedato

Nuova misura proveniente dagli Stati Uniti e già operativa: si vuole prevenire e rendere difficile la ripetizione degli abusi verso minori e colpisce anche chi non ha commesso reati violenti o quando era minorenne a sua volta. Cos’è e come funziona il bollino rosso nel passaporto.

Pedofilia, USA mettono Parental Advisory sul passaporto per identificare gli schedati

Una scritta sul retro del passaporto: così gli Americani che sono stati condannati per un reato sessuale nei confronti di minori verranno identificati come tali sul proprio documento di viaggio. Una lettera scarlatta secondo i critici, mossa annunciata dal Dipartimento di Stato USA e che implementa una legge del 2016 per la protezione dell’infanzia. La misura è già operativa e il Ministero degli Esteri degli Stati Uniti comincerà subito a revocare i passaporti di tutti coloro i quali sono schedati per una violazione di tipo sessuale che abbia coinvolto un minorenne. Un avviso stampato all’interno della copertina allerterà su maniaci e pedofili e che reciterà così ”Il portatore è stato condannato per un reato sessuale contro un minore, ed è schedato ai sensi della legge americana”.

Perché il bollino rosso anti pedofilia e anti stupro in USA

Questa sorta di bollino rosso anti pedofilo e anti maniaco è arrivato dopo la Megan s’Law, una legge approvata dopo che Megan Kanka, una bambina di 7 anni, fu assassinata da un uomo in precedenza condannato per pedofilia in New Jersey. Non solo il cosiddetto bollino rosso sotto forma di avviso: il caso ha portato alla creazione di registri statali dei condannati per reati sessuali che contengono ogni indirizzo di persone condannate per questi crimini e che vengono continuamente consultati da datori di lavoro o famiglie, le quali vorrebbero trasferirsi in un nuovo quartiere.

Bollino rosso sul passaporto contro pedofilia e stupro, è polemica

Ovviamente, non mancano le polemiche a questa sorta di Parental Advisory all’americana: gli esperti legali si aspettano querele e controquerele, in quanto nessun altro gruppo di ex criminali verrà identificato con nessun avviso. Secondo alcuni gruppi per la difesa delle libertà civili, il bollino viola il divieto costituzionale alle pene retroattive e che l’avviso renderà impossibile l’ingresso in molti Paesi. Inoltre, visto che la categoria comprende adolescenti che hanno avuto rapporti sessuali consenzienti, persone che hanno commesso i reati quando erano minori o colpevoli di trasgressioni non violente (come l’indecenza pubblica o la detenzione di pornografia infantile), la lista delle persone a cui bisognerà consegnare il passaporto con il bollino rosso sarà veramente lunga.