Pensioni ultime news oggi, proposto il rinvio dell’aumento a 67 anni

0
pensioni ultime news età pensionabile 67 anni Ape Social Ape Volontaria

La decisione di oggi, 2 novembre 2017: inviata a giugno 2018 la decisione finale sull’aumento a 67 anni dell’età pensionabile

Pensioni ultime news oggi, giovedì 2 novembre 2017: rinvio aumento età pensionabile

Il Ministero dell’Economia di Pier Carlo Padoan pone resistenza, ma il Capo del Governo Italiano, Paolo Gentiloni, ormai pare deciso ad accogliere l’orientamento parlamentare, affibbiando la questione al prossimo Governo: è stata rinviata a giugno 2018 la decisione finale sull’aumento a 67 anni dell’età per la pensione. Le ultime news di oggi, 2 novembre 2017, riportano che l’esecutivo potrebbe dare il via libera a bloccare da subito, e fino al 2025-2026, l’innalzamento dei requisiti pensionistici per le undici categorie di lavori gravosi interessati dall’Ape Social, oltre che la proroga di un anno, ovvero al 2019, dello stesso strumento di anticipo gratuito dell’uscita.

Ultime news pensioni e decreto fiscale oggi, giovedì 2 novembre 2017

Oltre alle ultime news sulle pensioni, ci sono novità sul decreto fiscale: pare che si stiano moltiplicando le richieste di emendamenti per allargare la rottamazione delle cartelle, modificando pure delle scadenze. La domanda viene fissata per il 15 maggio 2018. Inoltre, si vuole fermare gli operatori che hanno portato la fatturazione delle bollette a 28 giorni; consentire l’uscita autonoma da scuola ai ragazzi delle medie; recuperare il bonus bebè; rimettere mano allo Spesometro, chiedendo di tornare all’invio annuale dei dati delle fatture, o almeno semestrale; introdurre una cedolare secca al 15% per incentivare la riapertura delle botteghe nei centri storici. Anche se la priorità rimane sulla previdenza e l’età pensionabile.

Ultime news pensioni, estensione Ape Social, proroga Ape Volontaria, età pensione a 67 anni

Si è messo in campo anche l’Istat, il quale ha certificato che la speranza di vita è aumentata di 5 mesi e, dunque, in base al collegamento con l’età pensionabile, quest’ultima dal 2019 deve salire a 67 anni. I sindacati si oppongono e lo ripeteranno per l’ennesima volta, sollecitando una moratoria di sei mesi del decreto direttoriale di Lavoro ed Economia in materia, in modo da poter aprire un confronto per differenziare gli anni in base ai lavori svolti. Ci sono varie proposte, dall’innalzamento dell’età per la pensione di anzianità all’estensione dell’Ape Social, con proroga già prevista per quelli che aderiranno all’Ape Volontaria, e l’esenzione del meccanismo della speranza di vita dei lavoratori delle undici categorie interessate per l’Ape Social, ovvero operai edili, autisti di gru e di macchine per l’edilizia, conciatori, macchinisti e personale viaggiante, autisti di mezzi pesanti e camion, infermiere e ostetriche ospedaliere turniste, badanti, maestre d’asilo, facchini, personale addetto ai servizi di pulizia, operatori economici.