Poste Italiane nuove assunzioni: 10mila posti di lavoro

0
Piano strategico Poste Italiane: prepensionamenti e assunzioni
Foto: ANSA

Cambia l’offerta di Poste Italiane, entro il 2022 arriverà l’assicurazione auto. È prevista anche una riduzione dell’organico per effetto dei pensionamenti e di conseguenza ci saranno nuove assunzioni. Gli azionisti hanno apprezzato il piano strategico.

Obiettivi finanziari Poste Italiane

Il piano Deliver 2022 guidato da Matteo Del Fante prevede una crescita dei ricavi di Poste Italiane pari all’1% sino ad arrivare ad 11,2 miliardi. Per quanto riguarda gli utili le percentuali sono più alte, nel piano si parla del 13% e l’obiettivo finale è di 1,2 miliardi. Gli obiettivi finanziari di Poste Italiane potranno essere soddisfatti solo grazie alla diffusione di nuovi prodotti come “Vita” e fondi comuni, inoltre sono previsti investimenti per la digitalizzazione e l’automazione dei servizi.

Assicurazione auto

La novità più interessante del piano di Poste Italiane è quello dell’assicurazione auto. Il numero sul quale scommette il gruppo è l’aumento dei contratti del ramo polizze danni. Del Fante ha spiegato che la gamma di prodotti di Poste Italiane verrà completata con le assicurazioni auto, una vera e propria scommessa anche se ormai l’azienda è sempre più intenzionata ad offrire servizi al 360° al cittadino.

Pagamenti digitali

La crescita del gruppo Poste Italiane può accelerare implementando il settore dei pagamenti Mobile e Digitale che è stato lanciato da poco. Purtroppo sono previsti cali dai segmenti Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione e il doppio dei ricavi per la Consegna Pacchi. Il modello operativo di consegna che include il pomeriggio e il fine settimana compenserà le perdite.

Assunzioni Poste Italiane

Nella nota di presentazione del piano strategico di Poste Italiane c’è un punto che non passa inosservato e riguarda le assunzioni. Si punta a 123 effetti nel 2022 (nel 2017 sono 138mila) con una riduzione annua di 3mila unità. Del Fante ha garantito che le uscite saranno dovute a pensionamento o saranno a base volontaria. I dipendenti di Poste Italiane hanno un’età media di 50 anni e vanno in pensione a 60 anni. La metà delle persone assunte nei prossimi dieci anni andrà in pensione e saranno assunte figure qualificate e giovani. Il piano infatti prevede 10mila assunzioni, soprattutto in ambito assicurativo e finanziario.