Reddito di Inclusione 2017, legge sul sostegno alle famiglie povere: requisiti e importo

reddito di inclusione 2017

E’ ufficiale, il Senato ha dato l’approvazione per il Reddito di Inclusione 2017 e diventerà legge a breve. Il REI è  un sostegno economico alle famiglie in difficoltà: la crisi ha fatto perdere il lavoro a molte persone con figli e anziani a carico e, per limiti di età, purtroppo non possono aspirare a nuove professioni, anche perché i datori di lavoro, come tutti sanno, preferiscono assumere giovani apprendisti o stagisti. Questa misura fa parte del pacchetto DDL Povertà previsto dal Governo per contrastare la povertà in Italia, un fenomeno in rapida crescita. Di seguito, tutti i requisiti e importo percepito da chi ne ha diritto.

Il Reddito di Inclusione 2017 sostituirà la SIA, ovvero il Sostegno all’Inclusione attiva, anch’essa un aiuto economico alle famiglie povere attivo dallo scorso settembre. I requisiti per richiedere il REI rimangono i medesimi del suo predecessore, mentre l’importo varierà. Il SIA erogava 80 Euro a persona a patto di essere iscritti allo stesso nucleo familiare e massimo 400 Euro al mese in caso di famiglie numerose (5 o più persone). Il Reddito di Induzione erogherà massimo 480 Euro e includerà i singoli, anche se over 55 e pensionati. Anche gli stranieri potranno richiederlo a patto che siano in Italia da 5 anni regolarmente.

Per poter richiedere il Reddito di Induzione 2017, si deve presentare l’ISEE che deve essere sotto i 3mila Euro. Probabilmente l’importo verrà erogato ai soggetti aventi diritto sotto forma di social card e serviranno per fare la spesa nei negozi convenzionati o pagare le bollette e altre utenze. Ci sono anche oneri per le famiglie povere e per chi la utilizza, ovvero partecipare a iniziative e programmi di inclusione sociale per un reinserimento nel mondo del lavoro. Sicuramente è una iniziativa molto bella di contrasto alla povertà in Italia, ma che lascerebbe molto soggetti a bocca asciutta. Anche l’importo di 480 Euro al mese sembra poco per chi ha l’ISEE sotto i 3mila Euro e qualora percepiscano questo beneficio quest’anno, saranno automaticamente esclusi il prossimo, in quanto la somma rientra nei redditi di famiglia.

Copri il Vuoto o i capelli Bianchi con Fibre

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*