Regina Elisabetta II: davvero discende da Maometto?

Come Aumentare il Seno naturalmente.CLICCA per Info!

Una notizia fresca di giornata riguarda la regina Elisabetta II, sovrana britannica, che pare sia la diretta discendente del profeta Maometto, il fondatore dell’Islam.

Secondo questa teoria la linea di discendenza dei Windsor permette di risalire ai re musulmani medievali di Spagna e per quella via fino a Maometto, vissuto in Arabia nel sesto secolo.

Regina Elisabetta II: da dove discende

L’ipotesi vecchia di 30 anni torna alla teoria dello studioso David Starkey, secondo cui l’ipotesi del legame fra Elisabetta e Maometto è affascinante e «non del tutto fuori luogo», anche se non è stato ancora provato con certezza.

Ciò che è saldo è la discendenza dell’odierna casa regnante da Riccardo di Conisburgh, conte di Cambridge e nonno di re Riccardo III, che visse in Inghilterra a ridosso tra il XIV e il XV secolo. Il conte era figlio di Isabella di Castiglia, a sua volta nata da Pietro «il Crudele», re di Castiglia e Leon fino al 1369.

A partire da questo personaggio si può risalire ad Abu al-Qasim Muhammad ibn Abbad, sovrano musulmano di Siviglia morto nel 1042. Quest’ultimo, a sua volta, discendeva da Hasan ibn Ali, nipote di Maometto perché figlio di Fatima, la figlia più giovane del Profeta.

Stando allo storico Starkey, è indubbio che «i monarchi medievali spagnoli e le case reali islamiche erano molto vicine e completamente mescolate».

Il filo comune sarebbe dato da Zaida, una principessa musulmana cresciuta nell’anno Mille che scappò da Siviglia per diventare la moglie (o l’amante) di re Alfonso VI di Castiglia e la cui postera andò in moglie a Riccardo di Conisburgh, l’avo di Elisabetta.

Regina Elisabetta II: le origini dei Windsor

L’origine di Zaida è meno sicura, ma sarebbe lei la discendente diretta di Maometto che lega Londra all’Arabia, in quanto quasi sicuramente figlia di al-Mutamid ibn Abbad, re musulmano di Siviglia fino al 1091. E fatto sta che negli anni Ottanta l’allora direttore del Burke’s Peerage, Harold Brooks-Baker, che per primo scoprì lo scoop, scrisse alla premier Margaret Thatcher dicendole di fortificare la sicurezza della regina: «È poco noto al pubblico britannico che il sangue di Maometto scorre nelle vene della sovrana. Tuttavia, tutti i leader religiosi musulmani sono orgogliosi di questo fatto».

[amazon_link asins=’B00AK8SBV2,8874932200,B00VC9TJ6E’ template=’ProductCarousel’ store=’giocattoli20c-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b7ed4fd2-3ef6-11e8-bf47-cb03b14dfac0′]

Informazioni su Alessia D’Anna 473 Articoli
studentessa in giurisprudenza amante della scrittura, con esperienza nelle notizie dell'ultima ora

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*