Sanremo 2017 gossip: momenti trash e imbarazzanti che hanno fatto la storia del festival

By | 7 febbraio 2017
Sanremo 2017 gossip: momenti trash e imbarazzanti che hanno fatto la storia del festival

Oggi 7 febbraio inizia Sanremo 2017 e noi abbiamo deciso di ripercorrere insieme alcuni momenti trash e imbarazzanti che hanno fatto la storia del festival. L’appuntamento è in diretta tv in prima serata su Rai1 e i telespettatori già si chiedono cosa succederà e quali saranno le immagini che entreranno negli annali. Iniziamo subito dall’edizione del 1989 ricordata come quella dei “Figli di”. Tra i big in gara per irrompe Marisa Laurito che porta un brano intitolato “Il babà è una cosa seria” con cui si piazza al dodicesimo posto, indimenticabile il suo abito rosa confetto, momento trash indimenticabile.

Il Festival di Sanremo ha riservato tantissimi momenti speciali, come dimenticare il tentativo di suicidio in diretta nell’edizione 1995 condotta da Pippo Baudo. Nessuno ha mai scoperto se era una messa in scena ma il terrore negli occhi del direttore artistico della kermesse era reale. Per fortuna l’uomo sulla balconata decise di scendere per dare un bacio a Pippo Baudo. Qualche anno dopo invece ecco Raimondo Vianello con Eva Herzigova e Veronica Pivetti, è stato il festival delle papere e di un momento cult. L’ospite internazionale era Madonna che, dopo la sua esibizione è stata cacciata dal palco in pochissimi secondi. Sempre in tema di ‘ospiti’ nel 2001 ci sono stati i fischiatissimi Placebo nell’edizione firmata Carrà, il frontman spaccò una chitarra segnando anche la fine della Raffaella nazionale all’Ariston.

Sanremo 2017 sarà l’edizione anomala, sul palco del teatro del festival non ci saranno le due vallette e non sentiremo nemmeno la frase tanto amata: “Dirige l’orchestra il maestro Beppe Vessicchio!”. Carlo Conti ha scelto di essere affiancato da Maria De Filippi che non ha nulla da invidiare alle splendide modelle che sono scese dalla scalinata. Ci mancheranno i momenti imbarazzanti del cambio d’abito come quello di Belen Rodriguez che ha mostrato la farfallina tatuata sull’inguine. Il maestro Beppe Vessicchio sarà comunque ricordato e si spera che a Sanremo 2017 non ci sia un lancio di spartiti come quello del 2010. Gli orchestrali si sono ribellati alla coppia Pupo – Emanuele Filiberto finalisti dimostrando che anche loro sono parte del carrozzone che manda avanti il festival. Chiudiamo con un momento trash per eccellenza che ha il lato B di Marcella Bella: ricordate quando ha esibito il titolo della canzone Uomo bastardo sul fondoschiena? C’è da sperare che Maria De Filippi non faccia lo stesso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *