Scoperta la causa del mal di schiena

0

Un team di scienziati italiani hanno recentemente scoperto la relazione tra dolore alla schiena, degenerazione dei dischi vertebrali e un gene della vitamina D.

Mal di schiena, scoperta la causa genetica

Un disturbo che riguarda ben otto persone su dieci: chi soffre di lombalgia, chi avverte la colonna vertebrale quasi fosse un pezzo di legno e chi addirittura fatica a stare in piedi e camminare. Per non parlare di tutti coloro che, stando ore sedute di fronte a un computer, non riescono più a ruotare il collo come dovrebbero e sofforno di dolore alle vertebre. Se ginnastica, perdita di peso ed esercizi mirati non bastano è perché, probabilmente, c’è qualcosa che non va a livello genetico: un team di scienziati italiani ha scoperto la vera origine del mal di schiena, ovvero una correlazione tra la degenerazione dei dischi intervertebrali e un gene della vitamina D.

Causa Mal Di Schiena nel DNA

Quando i dischi intervertebrali iniziano a degenerarsi di giorno in giorno, iniziano i veri problemi. La mobilità della schiena viene seriamente compromessa e diventa estremamente difficile intervenire e bloccare l’evolversi del problema. Secondo un recente studio condotto dai ricercatori dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi in collaborazione con Sabina Cauci dell’Università di Udine, la causa risiederebbe nel DNA. In particolare il diretto responsabile del mal di schiena sia un gene del recettore della vitamina D: quando si presenta sotto forma di una particolare variante, si può assistere a dolore alla schiena associato al processo di degenerazione dei dischi vertebrali.

Dolore alla schiena, esiste una cura?

Durante lo studio i ricercatori hanno analizzato accuratamente il DNA di tutti i pazienti affetti da mal di schiena e non. In questo frangente, sono riusciti a evidenziare come le persone che presentavano una degenerazione dei dischi vertebrali possedevano una variante del gene recettore della vitamina D. Tale ormone possiede effetti metabolici a livello delle cellule che fanno parte dei dischi della colonna vertebrale. Indipendentemente dall’associazione delle patologie discali con specifici fattori di rischio come la storia familiare, l’età avanzata, il fumo, l’obesità, la frequente esposizione a vibrazioni e un’attività lavorativa che richieda un notevole sforzo fisico. Insomma, il dolore alla schiena è causa del DNA e dei dischi vertebrali logori. Per ora, non esiste nessuna terapia per il mal di schiena, ma questa nuova scoperta può aprire una nuova strada alle cure per via genetica o con la tecnica CRISPR.