Sparizione Emanuela Orlandi: esiste il dossier segreto in Vaticano?

Sparizione Emanuela Orlandi: esiste il dossier segreto in Vaticano?

Sono passati 34 anni da quando è scomparsa Emanuela Orlandi. La famiglia ha chiesto di vedere il dossier segreto del Vaticano

Quello di Emanuela Orlandi è uno dei cold case italiani più intricati. La giovane ragazza, figlia di un commesso della Casa Pontificia, è scomparsa il 22 giugno 1983. La famiglia non ha mai smesso di cercare la verità e a 34 anni dalla sparizione di Emanuela Orlandi ha presentato un’istanza di accesso agli atti per prendere visione dei documenti archiviati nella segreteria di Stato. Questa mossa, come riporta Il Corriere della Sera che ha parlato della vicenda, potrebbe portare a risultati davvero clamorosi.

Sino ad oggi c’era solo il sospetto che ci fosse un dossier segreto, la circostanza era stata tenuta riservata, ma è emersa nel processo Vatileaks. È questo l’ultimo tassello della storia infinita della scomparsa di Emanuela Orlandi? Il fratello Pietro che vedere nella foto si è rivolto all’avvocato Annamaria Bernardini De Pace, questo cambio di strategia potrebbe sconvolgere le gerarchie ecclesiali. Prima però occorre fare un passo indietro al 2012. Ricordate il caso dei “corvi” che avevano rubato dossier riservati e che avevano portato in carcere il maggiordomo di Papa Ratzinger? Paolo Gabriele ovviamente non era l’unica persona ad aver messo le mani su quei documenti eppure ha ‘pagato’ per tutti e dopo la condanna è stato graziato. Nel 2015 scattano le Monsignor Balda e Francesca Chaouqui che, secondo l’accusa, avevano consegnato documenti finanziari della Santa Sede ai giornalisti. In quell’occasione spunta di nuovo il fantomatico dossier sulla scomparsa di Emanuela Orlandi.

L’istanza presentata da Pietro Orlandi fa riferimento al dossier sulla sparizione di Emanuela che contiene anche dettagli di natura amministrativa e un elenco di atti che sono stati acquisiti dalla Procura di Roma. Il Corriere della Sera accende i riflettori su una rogatoria della Santa Sede del 22 aprile 1994 nella quale si leggeva che la vicenda era stata seguita dalla segreteria di Stato. Questa nuova richiesta della famiglia sembra quasi un appello nei confronti di Papa Francesco per dare giustizia ad Emanuela Orlandi e mettere fine all’incubo che vivono dalla sua scomparsa.

Copri il Vuoto o i capelli Bianchi con Fibre

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*