Spinaci allucinogeni, rischio intossicazione da Mandragora

Spinaci Bonduelle ritirati: i lotti delle confezioni richiamate

Nuovo richiamo da parte del Ministro della Salute. Questa volta a finire sotto accusa sono i prodotti di un noto marchio, Bonduelle. Nelle confezioni di spinaci surgelati è stata trovata la Mandragora, erba velenosa che causa allucinazioni.

Spinaci contaminati da Mandragora, quali sono i lotti?

Sul Ministero della Salute è stato pubblicata un’allerta alimentare che riguarda gli Spinaci Millefoglie Surgelati prodotti da Gelagri Iberica commerciati con il marchio Bonduelle Nelle confezioni ci sarebbero delle foglie di Mandragora. I lotti degli spinaci allucinogeni richiamati dal mercato riportano i seguenti numeri: 15986504-7222 45M63 08:29. La data di scadenza indicata sulla confezione è agosto 2019. Nella sua nota il Ministero della Salute invita i cittadini a non consumare l’alimento incriminato, nemmeno in cottura le proprietà velenose della Mandragora si eliminano.

Mandragora o Mandragola?

La Mandragora, conosciuta anche con il nome di Mandragola è un’erba che appartiene alla famiglia delle solonacee, come patate e melanzane. Le foglie sono simili a quelle degli spinaci ma al momento della raccolta si differenzia per la radice biforcuta che ricorda molto una figura umana. La Mandragora più pericolosa è quella autumnalis, tutte le varietà hanno forti poteri anestetici. Nelle confezioni di spinaci surgelati Bonduelle sono finite delle foglie di Mandragola che contengono alcuni alcaloidi i cui effetti sono simili all’atropina. Il consumo genera stati di allucinazione, agitazione e raramente convulsioni. Le dosi ovviamente devono essere abbondanti, una piccola contaminazione non causa effetti irreversibili. Quando c’è di mezzo la nostra salute però bisogna stare attenti, ecco perché gli Spinaci Millefoglie Bonduelle sono stati ritirati dal mercato.

Spinaci allucinogeni con la Mandragora usati per pozioni magiche?

Se non volete riportare indietro le confezioni di spinaci contaminati da Mandragola, potete cimentarvi nella preparazione di pozioni magiche. Dovete sapere che un tempo si credeva che la pianta avesse proprietà afrodisiache. Il nome Mandragora è stato attribuito da Ippocrate, quello originale è persiano ‘mehregiah’. L’aspetto antropomorfo della radice ha portato gli antichi a pensare che rappresentasse un uomo, quindi poteva anche uccidete. Altri erano convinti che la Mandragola fosse una creatura soprannaturale che viveva a metà tra il regno animale e quello vegetale come l’agnello di Tartaria. In alcuni trattati che risalgono al 1615 è spiegato anche come usare l’unguento di Mandragora per trasformarsi in animali. Oggi viene utilizzata dalla Wicca quando c’è la Luna piena e gli appassionati della saga di Harry Potter, sicuramente ricordano che è stata citata nel capitolo della ‘Camera dei Segreti’.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*