Stupro a Catania, violentata dottoressa di turno alla Guardia Medica

stupro guardia medica Catania
PELLE RIGENERATA IN 4 SETTIMANE con SIERO EXTRA LIFT BARO COSMETICS

A Trecastagni nel Catanese arrestato da Carabinieri di Acireale un giovane italiano di 26 anni che aveva chiesto di essere curato: prima è andato in escandescenze spaccando gli arredi della stanza, poi l’aggressione sessuale. La Procura di Catania ha aperto una inchiesta per capire se dietro lo stupro ci sono delle motivazioni di carattere personale o semplicemente follia del giovane originario di Santa Venerina

Stupro in provincia di Catania: violentata medico donna in servizio a Trecastagni

Una dottoressa di turno alla Guardia Medica di Trecastagni, in provincia di Catania, è stata aggredita e violentata da un 26enne. Il giovane sarebbe entrato nella struttura sanitaria con la scusa di farsi curare. Si tratta di un italiano di 26 anni residente nello stesso paese etneo, è stato arrestato dai Carabinieri della compagnia di Acireale.

Stupro a Catania, preso il colpevole: un italiano di 26 anni

I Carabinieri di Acireale hanno già arrestato il colpevole dello stupro alla Guardia Medica di Trecastagni, con vittima una dottoressa che era di turno nella struttura. Dapprima, il ragazzo di Santa Venerina ha insistito per farsi curare, poi è andato in escandescenze, danneggiando pesantemente  molti arredi e suppellettili della stanza e avrebbe sequestrato e violentato il medico in servizio. E’ stato un passante ad accorgersi di quanto accadeva e a chiamare i soccorsi.

Stupro a Catania in Guardia Medica, indagini in corso

Un passante ha sentito le grida di aiuto della dottoressa vittima di violenza carnale all’interno della struttura adibita a Guardia Medica di Trecastagni e ha avvisato i Carabinieri di Acireale, prontamente intervenuti. Il medico è riuscito a fuggire ed è stato soccorso dai militari dell’Arma. Le Forze dell’Ordine hanno fatto irruzione all’interno della stanza e arrestato il giovane 26enne. Ora l’inchiesta e le indagini sono sotto la Procura di Catania. Per aiutare le indagini e capire il motivo del folle gesto, le generalità dell’aggressore non sono state rese note dagli inquirenti.

 

NON RIMANDARE COME AL SOLITO, LA BELLA STAGIONE SI AVVICINA, CREMA ANTICELLULITE BARO COSMETICS, LA MIGLIORE

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*