Submelius, il malware dopo WannaCry che compromette Google Chrome

submelius google chrome
PELLE RIGENERATA IN 4 SETTIMANE con SIERO EXTRA LIFT BARO COSMETICS

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-language:EN-US;}

Dopo WannaCry, un’altra minaccia proviene dal web, nello specifico per chi usa il motore di ricerca di Google Chrome. Si tratta di Submalius, conosciuto anche come Chromex.Submelius ed è un malware che reindirizza il browser dell’utente verso un indirizzo web specifico con contenti dannosi. Non è un caso la scelta di Chrome, uno dei browser più utilizzati a livello mondiale. Questa infezione informatica, ad oggi, ha minacciato il 30% degli utenti italiani. La diffusione è avvenuta a maggio dall’America Latina e a giugno Submelius ha messo radici in Europa, in quanto colpisce utenti che frequentano siti per la visione illecita in streaming di film o serie TV online.

Il malware Submelius è simile al meccanismo di infezione di WannaCry, anche se un internauta esperto dovrebbe essere in grado di riconoscerlo. Si viene infettati in maniera semplice, ovvero tramite alcuni pop-up che reindirizzano l’utente attraverso molteplici finestre per poi portarlo al download di una estensione dello store di Google Chrome. Ovviamente, i pop-up sono i grandi classici “è stato individuato un virus” e “guadagna soldi da casa”. Quando viene installato, la sicurezza di Chrome è compromessa ed è impossibile navigarci in questo motore di ricerca, perché si apriranno finestre e pagine contenenti pubblicità e altri contenuti dannosi per il sistema operativo che si sta usando, anche perché il malware riesce a ottenere diverse autorizzazioni, tra cui la modifica dei dati delle pagine web.

Se si è infettati da Submelius, bisognerà rimuovere una o più estensioni dannose di Google Chrome sul browser. Basta digitare chrome://extensions nella barra del motore di ricerca per eliminare le estensioni sospette. Se non si è esperti, la procedura più efficace è tornare alle impostazioni iniziali di Chrome effettuando un ripristino, non eliminando password e campi automatizzati. Dopo aver rimosso il problema, si consiglia di far analizzare il pc infetto utilizzando un software antivirus e antimalware affidabile, magari che limiti la possibilità di scaricare ulteriori minacce per il sistema operativo.

 

NON RIMANDARE COME AL SOLITO, LA BELLA STAGIONE SI AVVICINA, CREMA ANTICELLULITE BARO COSMETICS, LA MIGLIORE

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*