Trump scandaloso: “non voglio immigrati da quei cessi di paesi”

0
trump

Donald Trump è senza contegno, facendo arrabbiare il resto del mondo sa solo garantirsi il massimo isolamento al livello internazionale.

Aumento naturale e rassodante, Pagamento alla consegna GRATIS

Anche stavolta le sue parole sono un mix di e razzismo e xenofobia, infatti sono intervenute per giunta le Nazioni Unite. Dall’Africa all’America Latina tti sono rimasti senza le più facili parole , quando Trump si è ritrovato a pronunciare l’ennesima frase razzista:Ma perche’ gli Stati Uniti devono continuare ad accogliere questa gente da questo cesso di Paesi?”.

Trump e i riferimenti razzisti ai paesi africani

Ovviamente le parole di trump avevano esplicito riferimento ai paesi come Haiti, El Salvador e in particolare ai Paesi africani, quelli da cui provengono le persone scappate da disastri naturali e che gli Sati Uniti hanno fatto entrare nel proprio paese dando loro la massima protezione.

Una situazione che a Trump non va giù, tanto da voler eliminare i privilegi concessi mettendo in difficolta’ centinaia di migliaia di persone.

Il fatto che lascia ancora piu sconcertati è che il presidente, servendosi di Twitter, ha negato di aver usato l’espressione ‘shithole countries’, pur riconoscendo di aver usato ‘Un linguaggio duro”.

Il commento delle Nazioni Unite

Nel frattempo,al Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite c’è stato un movimento generale. Pare infatti che gli ambasciatori dei Paesi africani hanno deciso di riunirsi con urgenza. E intanto il segretario generale Antonio Guterres ha trasmesso un messaggio a tutti e cioè a rispettare sempre e in ogni caso i diritti e la dignità degli immigrati.

L’Unione africana si dice preoccupata per le parole di Trump, considerate come “inaccettabili” e pretendono categoricamente che si scusi. È indignante un riferimento senza rispetto e senza pudore verso quelli che prima di essere immigrati sono esseri umani.. 

Aumento naturale e rassodante, Pagamento alla consegna GRATIS

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.