Tubercolosi incubazione: due casi registrati in Lombardia

Tubercolosi incubazione: due casi registrati in Lombardia

Allarme tubercolosi incubazione, secondo una notizia resa ufficiale nel corso delle passate ore due casi sono stati registrati nella regione Lombardia.

Torna la tubercolosi, due studenti ricoverati

Come abbiamo appena annunciato due nuovi casi di tubercolosi polmonare sono stati segnalati nel corso delle passate ore in Lombardia. La malattia infettiva che sembrava ormai essere un lontano ricordo torna a farsi spazio nella nostra quotidianità. Secondo quanto reso noto nell’hinterland di Varese due studenti, nonché amici che frequentano la stessa scuola superiore, hanno manifestato i sintomi della tubercolosi. Subito dopo la scoperta per i due protagonisti di questa storia sono partiti immediatamente una serie di controlli seguiti secondo le normative protocolli ministeriali e regionali vigenti ASST Valle Olona. Le condizioni dei ragazzi sembrerebbero stabili, solo dopo che la tubercolosi incubazione polmonare verrà completamente debellata, questi potranno tornare tranquillamente a scuola e seguire così l’orario delle lezioni.

Tubercolosi profilassi per i compagni per i compagni di classe

La notizia riguardante il contatto di due ragazzi a causa di una tubercolosi polmonare ovviamente ha messo in allarme anche i compagni di classe. I protagonisti di questa storia frequentavano lo stesso istituto superiore ma non nella stessa classe, tanto che da rendere necessaria la profilassi per i compagni di classe, 45 ragazzi circa, e 25 docenti. I compagni di due ragazzi contagiati da tubercolosi in incubazione sono stati sottoposti ai vari test necessari al fine di scongiurare il contagio, quanto detto però non escluderebbe la prescrizione di una terapia antibiotica adatta per il caso.

Il ritorno della tubercolosi in Italia

Nell’ultimo ventennio la tubercolosi sembrava essere una malattia infettiva ormai completamente dimenticata dal genere umano. Il merito di quanto detto era dipeso dai vaccini, non a caso un loro nel totale ha permesso alla tubercolosi di farsi spazio tra le persone. La notizia dei due ragazzi che hanno contagiato la tubercolosi polmonare, ha riportato alla memoria i vari casi di meningite che si sono verificati tra il 2017 e i primi giorni del 2018, una cosa che ha reso necessaria una misura severa da parte del Ministero della Salute che ha ufficializzato le sanzioni previste per coloro che non hanno provveduto a fare vaccino obbligatori ai propri figli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*