Una settimana alla fine del calciomercato, quali sono gli obiettivi delle big?

0
calciomercato

Il calciomercato più strano degli ultimi anni entra nell’ultima settimana: la sessione estiva/autunnale di questo 2020 è stata caratterizzata da pochi investimenti, tanti scambi e moltissimi prestiti. Le big non hanno stravolto i loro organici, anzi, e sono più o meno tutte alle prese con un unico problema: non riescono a vendere.

Andiamo ad approfondire, dando un’occhiata alla sezione Calciomercato di Minutidirecupero.it, quali potrebbero essere gli affari “caldi” di questi ultimi giorni, analizzando le big del campionato.

JUVENTUS

L’obiettivo è un esterno di sinistra, Emerson Palmieri è il nome che circola da tempo: il Chelsea, dopo l’arrivo di Chilwell e la conferma di Marcos Alonso, alla fine potrebbe dire sì al prestito con diritto di riscatto. E’ la lacuna più importante della rosa a disposizione di Pirlo, costretto a impiegare Frabotta (fino allo scorso anno nell’Under 23) nelle prime due di campionato: De Sciglio è infatti sul mercato e Alex Sandro resterà ai box almeno per un altro mese. Possibile un nuovo innesto a centrocampo (per Khedira si proverà fino all’ultimo la rescissione consensuale), la sorpresa potrebbe essere Chiesa, da sempre obiettivo di Paratici e la cui cessione ora è stata accettata “pubblicamente” anche da Commisso.

INTER

In casa nerazzurra sono gli esuberi a tenere banco: Joao Mario e Asamoah sono fuori dalla lista Serie A ma i loro ingaggi pesano sul bilancio. Il mercato dell’Inter, che a breve chiuderà per Darmian (sostituisce Candreva sulla destra) di fatto ha soddisfatto le aspettative di Conte: Hakimi, Kolarov e Vidal sono colpi voluti dall’allenatore e nomi che testimoniano come i nerazzurri vogliano vincere e subito. Resta il sogno Kanté: complicato raggiungere il francese, il Chelsea non è intenzionato a privarsene. Cedendo Skriniar per 50 milioni, al Tottenham, l’Inter punterebbe su Smalling (20 milioni) e col resto provare ad imbastire una trattativa per il centrocampista.

ATALANTA

Non ci saranno grosse novità nell’ultima settimana in casa bergamasca: Gasperini ha un organico ampio, capace – almeno in quanto a numero di alternative – di affrontare il doppio impegno campionato Champions. L’unica uscita di rilievo è stato Castagne ma gli arrivi di Romero e Miranchuk alzano, non di poco, il livello qualitativo della rosa.

LAZIO

Tare è aspramente criticato da tutto l’ambiente, in vista del ritorno in Champions sono state fatte operazioni in entrata di secondo piano, volte ad allungare la rosa di Inzaghi: il solo Fares (peraltro ancora non ufficiale) potrebbe essere titolare, il resto (Muriqi, Hoedt, Escalante, Reina, Akpa Akpro) sono seconde linee. La Lazio, sfumato David Silva, sogna ancora il pezzo da novanta: si era parlato di un ritorno di Felipe Anderson, nelle ultime ore prendono quota le piste che portano a Callejon (svincolato) e Andres Pereira (Manchester United).

ROMA

Dzeko è rimasto, è arrivato Kumbulla e Pedro a parametro zero è uno dei colpi più sottovalutati di quest’anno. Sono queste le operazioni più importanti di questo calciomercato della Roma che punta ora ad un centravanti di scorta: l’obiettivo è Borja Mayoral, tornato al Real Madrid dopo il prestito biennale al Levante. Fonseca continua a chiedere il ritorno di Smalling ma la trattativa è a un punto morto. Juan Jesus, Perotti e Fazio gli esuberi difficili da piazzare.

NAPOLI

Koulibaly dovrebbe restare, a meno di un’offerta last minute del PSG. Il Napoli non piazzerà  altri colpi in entrata (si è parlato di Vecino ma la differenza con le richieste dell’Inter è enorme), Giuntoli sarà impegnato a piazzare i vari Milik (in scadenza nel 2021), Luperto, Younes, Ounas e Llorente. Tra gennaio e questa sessione di mercato, De Laurentiis ha superato i 180 milioni di euro spesi per gli acquisti, in entrata si registrano solo i 25 per Allan dall’Everton.

MILAN

Anche il Milan ha pressoché chiuso il mercato in entrata, serve solo un difensore centrale: difficile arrivare a Milenkovic (Fiorentina), c’è anche l’ipotesi Nastasic. Pioli ha avuto il rinnovo di Ibrahimovic e può godersi i giovani Brahim Diaz e Tonali. Rebic ha qualche problema fisico, il norvegese Hauge è un’interessante opportunità di mercato.